Balotelli, la missione commando e il metodo Coué: come si sta preparando l’Italia agli spareggi di Coppa del Mondo?

Non poteva esserci momento peggiore per viaggiare a Firenze. Da martedì e dall’annuncio della partenza di Dusan Vlahovic dalla Juventus Torino, club con una storica rivalità con la Viola, un’intera città grida di rabbia e si sente tradita. ripetutamente. Come se non bastassero Chiesa, Bernardeschi e ovviamente Baggio. Bastava aprire l’edizione del mercoledì de La Nazione, quotidiano generalista italiano con sede a Firenze, per capire l’umore prevalente: “Lo scherzo è finito“o anche”Lacrima“Con un’immagine strappata dell’attaccante serbo. Eviteremo di citare gli striscioni degradanti e razzisti intorno allo stadio Artemio Franchi.

Quindi, un consiglio: se avete mai programmato di fare un giro per Ponte Vecchio in questi giorni, evitate di parlare di calcio. O un altro tema, come l’arrivo delle selezioni italiane a fianco di Coverciano, una zona nella parte orientale della città. Dove si trova esattamente il Centro Tecnico Nazionale della Federcalcio Italiana “Clerfontaine” d’Italia. Ma sappi che l’argomento non è necessariamente meno complesso.

Torres, Vlahovic: come Juventus e Barcellona sono riuscite a firmare i due più grandi successi dell’inverno

Coppa del Mondo

Per Infantino i Mondiali ogni due anni possono ‘dare speranza agli africani’

un giorno fa

Se Roberto Mancini decide di convocare almeno 35 giocatori per il ciclo di mobilitazione di tre giorni, iniziato mercoledì, non è proprio un revival dell’ultimo film trionfante a Euro 2020. Piuttosto, è un tentativo di evitare un’altra catastrofe. A più di quattro anni dalla mancata qualificazione alle finali di Coppa del Mondo in Russia, l’Italia teme già di vivere ancora una volta lo stesso incubo agli occhi del Qatar. Ma questa volta da campione d’Europa. il peggiore.

La Svizzera lo ha mandato alle qualificazioni Durante le qualificazioni i nazisti (oltre a questo) testeranno il nuovo formato che vuole la FIFA. Non più avanti e indietro. Ma la semifinale contro la Macedonia del 24 marzo a Palermo, in caso di successo, sarà la finale in Turchia o in Portogallo. La selezione vincitrice sarà testimone del Qatar. Gli altri rimarranno davanti alla TV. Uno scenario testimoniato dall’avvio di una volta. Non due, se possibile. È pronta a tutto pur di salvarsi.

Balo è tornato

Solo nel vuoto dal 15 novembre e triste 0-0 in Irlanda del Nord, Roberto Mancini ha giocato molto. Mentre tutti sono tornati alla loro quotidianità da club, giocatori, tifo e osservatori, il tecnico italiano vuole prepararsi il più possibile a un incontro cruciale per un intero Paese, da qui la volontà di organizzare questo raduno estemporaneo. Deve prima risolvere un problema che persiste da tempo: il problema del marcatore.

Se Ciro Immobile è ancora bloccato come capocannoniere della Serie A con 17 gol, la sua prestazione in selezione (15 gol in 54 selezioni) continua a dividersi. Ma è ancora la scelta numero 1 di Mancio. Alle spalle dell’amico e successore Andrea Belotti sta vivendo una stagione difficile a Torino. Gianluca Scamaca, è esploso con il Sassuolo in questa stagione, tanto che gli è stato promesso un grande club la prossima estate. L’Italia vede in lui il numero 9 nel futuro a sua scelta. Ma nel dubbio fu chiamato Mario Balotelli.

Ma dov’è Mario Balotelli?

Anche se Mario non è più proprio “Super”, quello che non indossa la maglia azzurra da più di tre anni e sembrava un perdente per la causa, dopo mezza stagione a Monza (in serie B) e poi la sua partenza in Turchia, ad Adana il Demirspor è stato convocato da Mancini. “La tecnica non si dimentica, è come i pugni per un pugile. Mario colpisce come gli altri, a dicembre record di trenta metri‘, confermato in Gazzetta dello sport Il suo allenatore in Turchia è Vincenzo Montella. “Mario rappresenta un’opportunità proprio in questo momento, Ha giustificato Mancini in conferenza stampa mercoledì. Le nostre porte sono sempre aperte. Ricorda che non è un segno di sconforto. (…) Devi capire come ci si sente fisicamente. Tecnicamente, non è mai stato messo in discussione. Dovrà anche integrarsi perfettamente in un gruppo che funziona alla grande. Cosa mi ha promesso? Niente di niente… Fu convocato come venivano chiamati gli altri. Siamo curiosi di rivederlo dopo poco tempo. Non deve promettermi nulla, così come io non devo promettergli nulla. Valuteremo se può dare una mano. “

Con 9 gol e 5 assist in 21 partite, l’ex attaccante dell’OM sogna di indossare il mantello di un supereroe per salvare il suo paese da una nuova apocalisse. Ma non è l’unico. Anche il centrocampista del Cagliari Joao Pedro, nato in Brasile 29 anni fa e naturalizzato FIFA, è tra quelli che hanno tre giorni per adescare Mancini prima della scadenza di marzo.

Periodo di formazione per inculcare “nuove idee”

Se l’idea di un tirocinio del genere sembra inappropriata in Francia, non è la prima del genere in Italia. In cosa consisterà? Un “aggiornamento tattico”, si legge sulle colonne de La Gazzetta dello Sport all’inizio di questa settimana. In programma: primo allenamento a terra mercoledì, lezione tattica, video e istruttiva giovedì mattina, prima di un’altra sessione di allenamento veloce. In conclusione, venerdì alle 10:30 si terrà una partita di allenamento prima di rientrare nei club interessati che hanno accettato di rilasciare i propri giocatori a favore della selezione. Non dovevano, perché non era un “appuntamento FIFA”.

A riprova dell’importanza dell’incontro: presenti in qualità di osservatori gli infortunati Leonardo Bonucci e Lorenzo Pellegrini. “Mancini vuole portare qualcosa di nuovo nel suo gioco, di cui tutti erano entusiasti agli Europei ma che tutti conoscono e affrontanoLo riporta il quotidiano. Lavora in due direzioni: aumentare il peso offensivo della sua squadra e provare una nuova tattica da utilizzare in situazioni di emergenza.. Telecamera all-in-one, con accesso ai giornalisti bloccato.

La sconfitta di Guimaraes, un disastro per l’OL: “Il Lione è diventato un club come un altro”

Se l’allenatore italiano Non rinuncerà al suo spirito di squadra“, lui desidera “Essere in grado di utilizzare un’altra forma di centrocampista“Durante la partita.”Più fisico, più offensivo e meno possesso‘, come potrebbe essere il famoso ‘doppio gioco’ di Jorginho-Verratti. Il 4-3-3 resta la tabella di riferimento, ma si potrebbe considerare un passaggio al 3-5-2, a seconda delle caratteristiche dell’incontro”.Non dobbiamo cambiare il nostro gioco, basta diversificarlo“Mancini ha ammesso. Nicolò Zaniolo avrebbe potuto avere un cartellino.

Con Federico Chiesa infortunato e fermo da almeno 7 mesi, il giocatore della Roma è forse uno dei giocatori più talentuosi della nuova generazione. Dopo un anno e mezzo quasi senza gare a causa di un grave infortunio al ginocchio, è arrivato il momento per lui di brillare nella selezione. Jose Mourinho, il suo allenatore, usa le sue straordinarie qualità sulla fascia destra ma anche regolarmente come seconda punta. Con l’Italia (8 presenze, 2 gol), il 22enne attaccante ha giocato solo mezz’ora a settembre, ma sta avanzando agli spareggi. Il suo paese si aspetta molto da lui. Anche Mancini.

lo scienziato? Forse lo vinceremo…

Italia e Macedonia in 56 giorni. È troppo o non abbastanza, tutto dipende dal tuo punto di vista. Ma dall’altra parte delle Alpi, preferiamo dirci che andrà tutto bene. Almeno in apparenza. Come se si trattasse di rilasciare emozioni positive e, soprattutto, di non drammatizzare la situazione che potrebbe smorzare l’umore del gruppo che ha faticato a sopportare l’ultima fase delle qualifiche.

“Con l’Italia l’Euro non può sognarsi vincitore migliore”

Se andiamo ai Mondiali? Sono abbastanza sicuro, forse lo vinceremo…“, Mancini è stato francamente licenziato dopo il dibattito in Irlanda del Nord”.Diventiamo di nuovo un gruppo a parte e andiamo al Mondiale con più fiducia“, sulle orme di Gabriel Gravina, Presidente della Federcalcio italiana.

qualcosa si è bloccatoTuttavia, Leonardo Bonucci ha ammesso. Dopo l’Euro, ci siamo complicati la vita. Dobbiamo ricaricare le batterie per marzo. Dobbiamo trovare equilibrio, determinazione e, soprattutto, l’incoscienza dell’euro. Dobbiamo entrare in campo con la leggerezza e la forza del gruppo che ci ha resi campioni d’Europa (…) Dobbiamo riscoprire questa gioia collettiva di entrare in campo. Ritroviamo sorriso e leggerezza. Se ritroveremo la voglia di essere di nuovo una squadra, andremo lì e faremo un grande Mondiale“.Otto anni dopo, il tifo lo sta solo chiedendo.

Coppa del Mondo

È morto Wim Jansen, secondo classificato della nazionale olandese nel 1974 e nel 1978

Ieri alle 17:50

Coppa del Mondo

Infantino e Qatar, collusione e un movimento che pone interrogativi

24/01/2022 alle 12:27

READ  La lotta per il potere all'interno dei talebani si intensifica

"Amichevole fanatico della cultura pop. Appassionato di caffè. Evil evangelista della musica. Giocatore esasperatamente umile. Ninja della birra."

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

SUPERDRAGONBALLHEROES.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.