COP26: India e Iran dicono di non includere i combustibili fossili in nessun accordo sul clima COP26

In tutti i 25 COP prima di Glasgow, nessun accordo sui combustibili fossili è mai stato menzionato come motore della crisi climatica, nonostante la scienza e i dati chiari dimostrino che carbone, petrolio e gas sono i maggiori contributori al cambiamento climatico causato dall’uomo.

La bozza di testo chiedeva la graduale eliminazione dei sussidi al carbone e ai combustibili fossili, con diversi avvertimenti aggiunti tra le bozze man mano che i combustibili fossili chiave venivano allentati, hanno detto diverse fonti alla CNN.

Sabato, in una sessione informale per fornire feedback sulla bozza, i delegati di dozzine di paesi hanno elencato le loro lamentele nei confronti del potenziale accordo, ma la maggior parte – anche la Bolivia, che ne ha molti – ha affermato che alla fine avrebbe accettato la bozza come compromesso.

Il ministro dell’Ambiente indiano Bhubandar Yadav ha affermato che “il consenso rimane sfuggente” e che i combustibili fossili hanno permesso a parti del mondo di raggiungere ricchezza e standard di vita elevati.

“Come ci si può aspettare che i paesi in via di sviluppo facciano promesse sulla graduale eliminazione dei sussidi al carbone e ai combustibili fossili?” Ha chiesto, aggiungendo che i paesi in via di sviluppo devono affrontare l’eliminazione della povertà.

“I sussidi forniscono la sicurezza sociale e il supporto necessari”, ha affermato, dando un esempio di come l’India stia utilizzando i sussidi per fornire GNL alle famiglie a basso reddito.

Yadav ha anche messo in dubbio una mossa importante per richiedere ai paesi di presentare piani aggiornati per ridurre le emissioni entro la fine del prossimo anno, che è fondamentale per la bozza di testo. Ciò porta la scadenza per le nuove ambizioni a tre anni prima di quanto richiesto dall’accordo di Parigi del 2015.

READ  “E se consideriamo il traffico di droga una scienza?”: Chomel attacca Torres Konassett per le indagini

Si è lamentato che lo stesso senso di urgenza non è stato dato alla finanza per il clima.

La delegazione iraniana ha anche affermato di sostenere la posizione dell’India sui combustibili fossili.

“Non siamo soddisfatti del paragrafo 36 della graduale eliminazione dei sussidi ai combustibili fossili”, ha detto un delegato iraniano.

L’accordo richiede la presenza di tutte le 197 parti per raggiungere il consenso su ogni parola del testo finale, uno sforzo scrupoloso che include concessioni e discussioni franche sulle strutture di potere mondiali e su chi ha la maggiore responsabilità per la crisi climatica.

I commenti sono arrivati ​​dopo i colloqui della maratona a tarda notte in cui sono stati fatti lenti progressi, ma ciò nonostante, circa 24 ore dopo quella scadenza, non era stato raggiunto alcun accordo.

Il presidente della COP26 Alok Sharma aveva in precedenza rivolto un appassionato appello ai delegati per sostenere la bozza, affermando che era il “momento della verità” del pianeta mentre i colloqui si approfondivano nel tempo senza alcun chiaro segno di consenso in arrivo.

Nel tentativo di evitare il fallimento dei colloqui, Sharma ha invitato i paesi a cogliere l’opportunità, affermando che i negoziati “hanno raggiunto un punto critico in cui dobbiamo incontrarci”.

“Il mondo ci sta guardando”, ha detto, esortandoli a “venire a un accordo qui per il bene del nostro pianeta, delle generazioni presenti e future”.

Sembra che i colloqui sul clima della COP26 abbiano raggiunto il punto di ebollizione sabato – ad un certo punto, Sharma Faticato a tenere tutti i delegati in una stanza.
Le divisioni si sono fermate venerdì e sono andate agli straordinari, soprattutto per i soldi I paesi sviluppati daranno il sud globale per aiutarlo ad adattarsi La crisi climatica, così come le richieste di un nuovo sistema affinché il mondo sviluppato paghi i “danni” della crisi climatica.

Cosa dice la bozza?

Sabato mattina le Nazioni Unite hanno pubblicato una terza bozza dell’accordo che ha mantenuto il riferimento all’eliminazione graduale del carbone e alla fine dei sussidi per i combustibili fossili, sebbene annacquati.

READ  Streaming Giant Netflix acquisisce il suo primo sviluppatore di videogiochi

La bozza esorta i paesi a espandere rapidamente l’uso della generazione di energia pulita eliminando gradualmente l’energia dal carbone e “sovvenzionando combustibili fossili inefficienti”. Riconosce anche la “necessità di sostegno per una transizione giusta” – denaro per sostenere posti di lavoro e mezzi di sussistenza mentre il mondo si allontana dai combustibili fossili. Entrambe le aggiunte rendono il testo più aperto all’interpretazione rispetto all’originale.

I principali produttori di carbone, petrolio e gas hanno mostrato opposizione al linguaggio sui combustibili fossili. Diverse fonti vicine ai negoziati hanno dichiarato alla CNN che la delegazione australiana è stata generalmente tranquilla nei colloqui, ma stava frenando i progressi sul linguaggio relativo al carbone e persino sulle misure per aggiornare i suoi piani sulle emissioni entro la fine del 2022. Il delegato australiano ha detto alla sessione di feedback che avrebbe adottato la bozza così com’è.

L'inviato americano per il clima John Kerry, a destra, parla con il presidente della COP26 Alok Sharma sabato al Summit sul clima.

C’è stato anche un certo malcontento con il linguaggio su quanto il mondo dovrebbe consentire alla Terra di riscaldarsi e le regole per i mercati del carbonio per evitare il doppio conteggio dei tagli alle emissioni o i crediti “ingannevoli”.

I paesi in via di sviluppo sembrano ammettere la mancanza di forti progressi nelle loro richieste di un fondo “perdite e danni”, in cui le nazioni ricche pagano le nazioni in via di sviluppo per gli effetti della crisi climatica, pur riconoscendo tacitamente il ruolo smisurato delle nazioni ricche nel causare il crisi climatica.

Questo numero ha messo l’uno contro l’altro il mondo sviluppato e quello in via di sviluppo, un segno distintivo delle conferenze COP.

Gli Stati Uniti contro la Cina: come si accumulano i due maggiori emettitori del mondo sul clima

Un delegato della Guinea, in rappresentanza di un gruppo di 77 paesi tra cui la Cina, ha dichiarato: “Il gruppo esprime la sua forte delusione… con il dialogo su perdite e danni. Questo è ben lontano dalle fondamenta concrete della struttura per le perdite e i danni. . Il gruppo si è riunito per presentare e cercare una risposta qui a Glasgow”.

READ  Il ritorno della zucca beffarda | Notizie, sport, lavoro

“Ma nello spirito del compromesso, saremo in grado di convivere con questa clausola, poiché è nella comprensione che non riflette o pregiudica il principale risultato vocale interno che cerchiamo sul finanziamento di perdite e danni per raggiungere i più vulnerabili”.

Ma al di fuori delle discussioni, gli attivisti del clima affermano che l’accordo è debole.

Tasnim Esop, direttore esecutivo del Climate Action Network (CAN), ha affermato che la bozza di testo è un “chiaro tradimento da parte dei paesi ricchi” delle nazioni povere e vulnerabili.

Bloccando i progressi su una struttura dedicata a perdite e danni, ha affermato Esopo, “le nazioni ricche hanno dimostrato ancora una volta la loro totale mancanza di solidarietà e responsabilità nel proteggere coloro che affrontano i peggiori impatti climatici”. “Esortiamo i paesi in via di sviluppo ad agire nell’interesse dei loro cittadini e ad essere forti contro i bulli”.

Written By
More from Abramo Insigne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *