Hyundai: Impressioni dal simulatore di corse in Italia

La simulazione di corsa di Hyundai con la i20 N Rally1 ibrida è completa nel nord Italia: leggi cosa hanno da dire Andrea Adamo, Ott Tanak, Thierry Nouvel e Yves Matton.

La scorsa settimana Hyundai Motorsport è stata nel nord Italia per testare per la prima volta l’evoluzione della i20 N Rally1 ibrida – ancora in un prototipo – una gara simulata con tutti i dati che saranno validi dal 2022.

Tra questi, il traffico in punti prestabiliti per strade semplici solo con elettricità, come puoi vedere nel video che ti abbiamo già presentato.

Qual è la principale differenza tra la gara di simulazione e i test di evoluzione “semplici”? Invece di una serie di percorsi a senso unico, che avrebbero perfezionato l’assetto e l’assetto della vettura, è stata preferita una corsa, con la Hyundai i20 N Rally1 e il suo equipaggio testati ancora più duramente.

Durante i test di sviluppo su strada privata, la vettura si ferma per diverse ore, riceve le cure degli ingegneri, mentre gli equipaggi hanno un margine di “rottura” maggiore, combinazione che non è presente in condizioni di gara.

La gara di simulazione di Hyundai si è svolta sotto l’occhio vigile del direttore della FIA Rally Yves Matton, che ha espresso la convinzione che la squadra di Andrea Adamo sia in buona forma in vista del Rally di Montecarlo 2022.

Simulazione di abbinamento: impressioni di Adamu, Tanak, Nouvel e Mattoon

Dichiarazioni delle persone Hyundai per un’operazione faticosa che è stata organizzata nella casa privata del capo squadra in WRC, Andrea Adamo.

Parlando a DirtFish di una simulazione di corsa in Piemonte a Cuneo, da dove proveniva, il manager italiano ha descritto le difficoltà che il progetto sta affrontando.

“Questa simulazione di corsa in questo periodo dell’anno è ben progettata”e Adamo ha detto. “Come puoi immaginare, questa non è stata organizzata durante la notte perché è una gara di tre giorni, quindi abbiamo avuto bisogno del permesso di tutte le autorità per chiudere le strade.

“Avevamo 52 giudici nelle prove speciali e non hai controllato da domenica a lunedì”..

Le caratteristiche di questi test erano completamente diverse da quelle a cui siamo abituati, come confermato dal capo di Hyundai Motorsport.

READ  Android 12 è la scorsa settimana: ecco Android 12L, ora in anteprima per sviluppatori

La cosa buona è che abbiamo ottenuto tutti i tipi di informazioni che pensavamo di poter ottenere, perché una cosa è fare un percorso speciale su e giù solo per le prestazioni e poi fermarci e controllare tutto.

Ma un’altra cosa è fare una corsa speciale di 25 km, poi fermarsi per qualche minuto, fare una semplice 50 km e poi controllare di nuovo la pressione delle gomme e ripartire.

“La pressione data a un’auto è ben diversa, così come lo è – se così vogliamo chiamarlo – il movimento elettrico, comprendendo il passaggio dal motore elettrico a quello a combustione interna e viceversa”.

Hyundai i20 N Rally1 04 prova

Adamo è andato più nel dettaglio sul processo, sottolineando che coloro che hanno partecipato al test, hanno assistito al futuro del raduno.

“C’è anche una parte della mappatura del motore per le strade semplici e tutte quelle cose: il comfort in macchina, la temperatura – perché c’è un sistema completamente diverso tra lo scarico, il tunnel principale, quindi le temperature che vediamo nell’auto ora sono molto, molto alto.

“La macchina si è mossa per 3,5 ore senza fermarsi. Questo è molto diverso dal test. Pensavo che abbiamo visto il futuro dei rally, se vogliamo organizzare dei rally in futuro”.

Con la sua ultima proposta, Adamo risponde indirettamente anche alle critiche al passaggio alla tecnologia ibrida, visto che l’elettrificazione di tutte le forme di auto e quindi di motorsport, che ci piaccia o no, è il prossimo futuro in questo campo.

Hyundai i20 N Rally1 Out Tanak

Da allora, come ci si aspetterebbe in questa fase di sviluppo, il processo non è stato completato senza problemi, poiché Ott Tanak se ne è andato “temporaneamente” a causa di un problema tecnico, ma è tornato presto al lavoro.

“È simpatico e calmo e puoi parlare con il suo assistente”e L’Estonia segnala l’uso di un profilo puramente elettrico (modalità EV) in singoli punti di metodi semplici. “È divertente (il motore elettrico), ma non fa molta differenza sulle piste private, ma con il PR che offre non è male”.

Per quanto riguarda i test stessi e l’approccio richiesto, Tanak ha commentato: “Stiamo ancora imparando e stiamo ancora cercando di capire. C’è molto da sviluppare.

Hyundai i20 N Rally1 02 prova

“Non siamo alla fine del processo di sviluppo, quindi ci sono tante cose da fare, mentre io personalmente ho bisogno di capire molto.

“Ci sono nuove strategie per le auto e altre cose da considerare, quindi è una sfida diversa e l’auto è più grande e più pesante.

“Quindi è necessario un approccio molto diverso”.

Allo stesso tempo, Tanak ha sottolineato l’importanza di questo tipo di test differenziato, rispetto a quello a cui siamo abituati:

READ  Fikayo Tomori: l'amata vita del difensore in Italia dopo il trasferimento al Milan lo ha aiutato a riconquistare la palla per l'Inghilterra | notizie di calcio

“È molto importante perché nei test di solito percorriamo un percorso, facciamo due passaggi e torniamo, ma ora dobbiamo fare percorsi semplici, attraversare aree EV e così via per vedere davvero come funzionano le cose e dove possiamo migliorare”.

Hyundai i20 N Rally 1 Thierry Nouvel

Oltre a Tanak, al timone della Hyundai i20 N Rally1 ibrida c’è anche Thierry Neuville, che di recente ha criticato il nuovo regolamento, ma con il passare dei giorni sembra sempre più compromettente.

“Ad essere onesti, capisco perché le persone vogliono che i raduni siano il più sorprendenti possibile”.e Novell ha detto. “Ma sappiamo tutti che siamo in una situazione critica, non solo finanziaria ma anche in termini di sostenibilità e dobbiamo diventare più ecologici e vogliamo dare quell’immagine”.

Allo stesso tempo, Thierry Nouvel mostra il suo approccio alla tendenza all’elettrificazione dell’auto, che non sempre è d’accordo.

“Le concessioni devono essere sempre fatte, per questo collaboriamo con auto ibride e non completamente elettriche. Ci adatteremo a tutto, le persone sono fatte per”.

“Per questo conservo una raccolta di tutte le vecchie gare, perché amo il loro suono, mi rendono felice e spero di poterle guidare tra 20 anni.

“Il futuro è elettrico, non abbiamo scelta. Ma penso che ci siano molti buoni elementi in questo (sistema ibrido), è una combinazione e ovviamente perderemo gli appassionati di sport che non riescono ad abituarsi, ma probabilmente ne guadagneremo di nuovi”.

Prova Hyundai i20 N Rally1

Riguardo alla Hyundai i20 N Rally1, il pilota belga ha commentato: “Tutto è nuovo, quindi ci sono molte cose da scoprire. Dalla prima impressione, sono molto interessanti.

“Mi piacciono le nuove sfide e non sono contrario all’accostamento del gruppo misto, che renderà la prossima stagione difficile e interessante.

“D’altra parte, ci saranno dei tagli tecnici rispetto agli attuali WRC, il che è un po’ deludente.

“Ma sono convinto che la nostra squadra sta lavorando ogni giorno e la prossima stagione miglioreremo la guida, troveremo prestazioni aggiuntive e faremo tutto un po’ meglio, in modo da avere un feeling simile con le vetture attuali”..

Yves Mattoon

Come accennato in precedenza, nella simulazione di gara Hyundai era presente anche la FIA, attraverso il Direttore Rally Yves Matton.

READ  Irlanda del Nord: il giovane Dale Taylor del Nottingham Forest convocato per la prima volta per le qualificazioni ai Mondiali 2022 | notizie di calcio

“Sono rimasto positivamente sorpreso, soprattutto per gli spettatori, perché all’inizio dell’idea c’era confusione tra auto ibride ed elettriche, con domande sul fatto che le auto facessero rumore, ecc.”,Mattoon ha detto a DirtFish.

“Ora possiamo vedere che l’eccitazione delle vetture, la velocità e le prestazioni, è ancora lì.

“È molto importante per gli appassionati di sport mantenere ciò che abbiamo ora, ma sarà sicuramente un nuovo mondo con queste nuove auto e la gamma ibrida sarà in grado di offrire prestazioni extra su prove speciali e muoversi completamente elettrico in alcuni semplici modi.”.

Hyundai i20 N Rally1 03 prova

Il Direttore del Rally FIA ha parlato anche delle sue impressioni sui test al simulatore di corsa di Hyundai:

“Da quello che ho visto, possono fare un’intera gara per il World Rally Championship.

“Il lavoro non è certamente finito, ma poiché ogni volta che abbiamo nuove auto, penso che saranno presenti a Montecarlo, con la capacità di fare l’intera gara, e avere abbastanza prestazioni e affidabilità.

“Poi le prestazioni migliorano passo dopo passo ma questo è normale quando ci sono nuovi regolamenti”.

Immagini: Hyundai Motorsport

Written By
More from Muhammad Lalia

La statua di una donna seminuda suscita indignazione in Italia. Cos’è la scultura?

Una statua in bronzo di una donna poco vestita, ispirata a un...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *