Il segretario di Stato si dimette dopo aver voluto battezzare Mussolini Park.

Claudio Dorigon, membro del governo italiano di Mario Draghi, si è dimesso giovedì 26 agosto, dopo aver suscitato polemiche per la sua volontà di dare a un parco pubblico il nome del fratello di Mussolini.

“Ho deciso di dimettermi”., ha scritto in una lettera aperta diffusa dai media il ministro dell’Economia e delle Finanze, che ammette di impegnarsi ” errori “ Ha detto a se stesso “Pronto a pagare”. “Non sono fascista e non lo sono mai stato”, difende il signor Durigon.

Da tre settimane questo credente è tra i seguaci di Matteo Salvini, il cui partito di estrema destra, la Lega, che fa parte dell’ampia coalizione guidata da Draghi, è stato oggetto di chiamate alle dimissioni perché voleva arrendersi in un parco. A Latina, località balneare vicino Roma è il suo vice, il nome del fratello del Duce, Arnaldo Mussolini.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati In latino, “giardinetti” è Benito Mussolini

Un putiferio anche nelle file della Lega

La polemica sull’opportunità di rinominare un parco dedicato ai giudici siciliani Paolo Borsellino e Giovanni Falcone, assassinati dalla mafia, per dargli il nome di Arnaldo Mussolini (1885-1931), ha scosso sia a destra che a sinistra. , e anche nelle file della Lega.

La parte moderata della Lega in realtà disprezza il tipo di propaganda clamorosa che flirta con il fascismo e mina gli sforzi di demonizzazione del partito. Il signor Salvini da parte sua si è diviso giovedì sera in onore del signor Durigon, che “Ha lasciato il posto per amore dell’Italia e della Lega”.

Claudio Dorigon, 49 anni, è nato a Latina, nel cuore delle ex paludi pontine, una zona paludosa sessanta chilometri a sud della Roma migliorata in epoca fascista. I suoi nonni erano tra i tanti braccianti agricoli poveri del Veneto (nord-est) che vi venivano portati per partecipare alla bonifica e poi allo sfruttamento della terra. L’epopea della bonifica dell’Agro Pontino fu glorificata dal fascismo, che gode ancora di una buona immagine presso una parte della popolazione di questa regione.

READ  Verstappen condanna gli "ipocriti" dopo le critiche
Leggi anche: Questo articolo è riservato ai nostri abbonati “Anche Mussolini ha fatto cose buone”, di Francesco Felipe, il libro che sfascia il mito del buon dittatore

Durigon è stato eletto deputato al Parlamento nel 2018 ed è stato nominato Ministro di Stato per gli Affari Sociali nel governo di Giuseppe Conte, che ha guidato un’alleanza tra il Movimento 5 Stelle e la Lega, prima di unirsi a Draghi.

Lo scienziato

Written By
More from Fiore Capone

Il vino naturale italiano protagonista alla mostra Vini di Vignaioli a Parigi

Sotto l’impulso di Christine Marzani, che merita molto in relazione all’arrivo dei...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *