In Italia un uomo chiede il carcere invece di scontare la pena a casa

Bianca Pirao / 500px via Getty Images

Al-Albani agli arresti domiciliari in Italia non poteva più permettersi di vivere nella sua casa e chiese di essere messo in prigione.

Internazionale – È una richiesta straordinaria. Domenica 24 ottobre, la gendarmeria ha detto che un uomo agli arresti domiciliari in Italia si è recato in una stazione di polizia e ha chiesto di essere messo in prigione perché trovava intollerabile la vita in casa con la moglie.

L’uomo, un albanese di 30 anni che vive a Gidonia Monticello vicino Roma, “non può più convivere con la moglie”, secondo una dichiarazione dei tiratori nella vicina cittadina di Tivoli.

Hanno continuato: “A causa di questa situazione, ha preferito fuggire e si è presentato spontaneamente ai tiratori per chiedere che la sua pena fosse scontata dietro le sbarre”.

“Voglio andare in prigione”

Il capitano Francesco Giacomo Ferrante, ha dichiarato all’AFP che l’uomo era agli arresti domiciliari da diversi mesi per reati legati alla droga, e lo sarebbe dovuto rimanere ancora per diversi anni.

Viveva a casa con la moglie e la famiglia. Non funziona più bene. “Ascolta”, ha detto, “la mia vita familiare è diventata un inferno, non ce la faccio più, voglio andare in galera”.

L’uomo è stato subito arrestato per violazione degli arresti domiciliari e le autorità giudiziarie hanno disposto il suo trasferimento in carcere.

Vedi anche su HuffPost: La guardia costiera italiana salva un cucciolo di delfino intrappolato nella rete

READ  Phoenix, sbarca in Italia l'azienda francese antispreco

"Appassionato di cibo orgoglioso. Esploratore pluripremiato. Ninja appassionato di viaggi. Evangelista dei social media."

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply