In Myanmar i monaci democratici marciano contro la giunta

“I monaci che amano la verità stanno dalla parte della gente”, ha detto uno dei leader della protesta. Agenzia di stampa Francia

Rangoon:

Dozzine di monaci buddisti pro-democrazia sono scesi sabato nelle strade della seconda città più grande del Myanmar, manifestando contro il golpe militare in manifestazioni in coincidenza con il 14° anniversario delle precedenti proteste di massa guidate da religiosi.

Il Myanmar è in subbuglio e la sua economia è paralizzata da febbraio, quando i militari hanno estromesso il governo civile di Aung San Suu Kyi, ponendo fine a un esperimento democratico decennale.

In tutto il paese, la resistenza anti-giunta ha messo radici, spingendo i militari a lanciare una brutale repressione del dissenso. Secondo un gruppo di monitoraggio locale, più di 1.100 civili sono stati uccisi e 8.400 arrestati.

Storicamente, i monaci nel Myanmar a maggioranza buddista erano visti come la suprema autorità morale, organizzando comunità e talvolta mobilitando l’opposizione ai regimi militari. Ma il colpo di stato ha messo in luce una spaccatura nel monachesimo, con alcuni ecclesiastici di spicco che hanno dato la loro benedizione e altri che hanno sostenuto i manifestanti.

Sabato, decine di monaci in abiti arancioni e scarlatti hanno marciato per le strade di Mandalay portando bandiere e stendardi e lanciando in aria striscioni colorati.

“I monaci amanti della verità sono dalla parte del popolo”, ha detto all’AFP uno dei leader della protesta.

I monaci hanno cantato per la liberazione dei prigionieri politici, compresi i membri del partito politico di Aung San Suu Kyi, che ha vinto la stragrande maggioranza alle elezioni dello scorso novembre.

Alcuni monaci portavano ciotole per le elemosine capovolte – solitamente utilizzate per raccogliere donazioni di cibo dalla comunità – in un simbolo di protesta contro il sistema della giunta, che si autodefinisce consiglio di stato.

READ  Professore alla facoltà di medicina ""alcuni punti comuni" sull'ufficio che sono comuni tra le persone con malattie mentali".

“Dobbiamo correre dei rischi… per protestare dove possiamo essere arrestati o fucilati in qualsiasi momento. Non siamo più sicuri di vivere nei nostri monasteri”, ha detto un monaco di 35 anni all’AFP.

Nel 2007, i monaci buddisti hanno guidato massicce manifestazioni in tutto il paese contro l’ex regime militare, una rivolta che è stata innescata da un improvviso aumento dei prezzi del carburante.

La “rivoluzione dello zafferano” ha costituito una grave crisi di legittimità per l’allora dittatura di 35 anni, che ha risposto con una brutale repressione che ha ucciso almeno 31 persone e ha visto centinaia di monaci spogliati e arrestati.

(Ad eccezione del titolo, questa storia non è stata modificata dalla troupe di NDTV ed è pubblicata da un feed sindacato.)

Written By
More from Abramo Insigne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *