Incertezza per il Paese alle prime elezioni in 16 anni senza Pinera e Bachelet (e quali sono i possibili scenari)

Getty Images Didascalia immagine Sei dei sette candidati sono in corsa per la presidenza del Cile: Gabriel Borek, Jose Antonio Caste, Jasna Provosti, Sebastian Seychelles, Eduardo Artes e Marco Enriquez-Ominami.

Sono le elezioni presidenziali più misteriose degli ultimi tre decenni.

Il Cile domenica si reca alle urne per eleggere il suo prossimo presidente – e rinnovare gran parte del Parlamento – nel bel mezzo di uno scenario fortemente polarizzato, in cui non sono escluse sorprese.

Secondo vari pronostici, tra i sette contendenti alla presidenza in gara, nessuno batte 30% di adesioneDurante questo processo c’era un gran numero di indecisi che non corrispondevano a nessuno dei candidati.

Inoltre, la volatilità nelle sponsorizzazioni è stata una tendenza negli ultimi mesi, mettendo tutti a diversi livelli di intenti di voto, qualcosa che varia di settimana in settimana.

“Dal 1989 ad oggi, due anni fa, in Cile abbiamo sempre saputo chi sarebbe stato il prossimo presidente. Ora l’incertezza è completa”, spiega BBC Mundo, dottore in filosofia politica e professore all’Università Adolfo Ibánez, Cristobal Belolio.

“I cittadini sono molto permeabili e risentono di ciò che accade ogni giorno. La verità è che negli ultimi mesi abbiamo avuto candidati straordinari che sono durati due settimane e poi sono caduti”.

Chile
Getty Images Dopo lo scoppio della malattia sociale, il Cile ha raggiunto un accordo per modificare la sua costituzione che era stata redatta sotto il regime di Augusto Pinochet.

Opinione simile a lui da parte del mondo della politica Kenneth Bunker.

“Tutto è possibile; è una scelta molto aperta. C’è un cambiamento costante nell’ordine delle preferenze che non abbiamo mai visto prima. Succedono molte cose che costringono i candidati a cambiare posizione e così facendo obbligano gli elettori a farlo anche.”

Quali fattori spiegano questo alto livello di incertezza e quali sono i possibili scenari che si possono formare dopo i risultati?

Sfiducia nei sondaggi

Alimenta l’incertezza Sfiducia nei sondaggi d’opinione, un fenomeno che interessa la maggior parte del mondo.

L’inesattezza dei suoi risultati ha reso ancora più difficile misurare con precisione per chi i cittadini avrebbero votato.

Un chiaro esempio è quello che è successo in primarie presidenziali, condotto in Cile nel luglio di quest’anno, quando, per mesi, sondaggi d’opinione indicavano che i due candidati principali erano candidati Daniele Gaddo, dal blocco di sinistra, e Joaquin Lavigne, Sulla destra.

Ma nessuno di loro ci è riuscito. imporsi Gabriele borico, dall’ampia fronte, e Sebastian Seychelles, candidato indipendente sostenuto dal centrodestra.

READ  Notizie sportive oggi: cosa c'è da sapere
Chile
GETTY IMAGES Gabriel Borek è il candidato dell’Asse formato da Partito Comunista e Fronte Ampio, un’alleanza che si è scissa due anni fa e che sfida l’autorità delle forze politiche tradizionali.

Secondo gli esperti, l’accuratezza degli studi pubblici è stata influenzata da vari fattori, tra cui il voto volontario, la sua natura metodologica (sondaggi diffusi per telefono e Internet a scapito dei sondaggi faccia a faccia) e la stessa fluidità delle preferenze elettorali.

Ritiro feste tradizionali

Questa elezione ha un’altra particolarità: è la prima dopo sfogo socialeiniziata nell’ottobre 2019, ha scosso il Cile mettendo in discussione l’ordine politico ed economico che ha prevalso dal ritorno della democrazia nel 1990 e stabilizzando le richieste che sono state rettificate nel dibattito, come la riforma delle pensioni. salute e istruzione.

In un certo senso, questo è uniforme nuove forze politiche venuto a destabilizzare la scena politica cilena e ad iniettare molta incertezza in queste elezioni.

Secondo varie previsioni di esperti elettorali, due dei candidati che hanno maggiori probabilità di vincere le elezioni Jose Antonio Cast Il Borek, che non appartengono ai partiti tradizionali, ma alla prima destra radicale, e al fronte ampio, la seconda.

Uno scenario impensabile fino a qualche anno fa, considerando che centrosinistra e centrodestra si sono alternati negli ultimi 16 anni al potere di questo Paese sudamericano, con due mandati presidenziali guidati Michelle Bachelet (2006-2010 e 2014-2018), e altri due di Sebastian Pinera (2010-2014 e 2018 ad oggi).

GETTY IMAGES Sebastian Pinera e Michelle Bachelet hanno alternato la presidenza del Cile negli ultimi 16 anni.

Ora, i candidati che rappresentano quelle forze…Yasna Prevosto, al centro a sinistra e Seychelles, destra di centro – non è riuscito a monopolizzare le preferenze.

“Oggi siamo di fronte a un crollo completo dell’impalcatura politica partigiana a cui siamo abituati in Cile”, afferma Peloglio.

L’esperto politico osserva che la preferenza per i partiti tradizionali è diminuita drasticamente negli ultimi anni.

Nel 1999, ad esempio, i due candidati presidenziali dei partiti tradizionali, Ricardo Lagos e Joaquin Lavigne, hanno ottenuto insieme il 98% dei voti. In altre parole, non c’era posto per le terze potenze, molto simile a quanto sta accadendo negli Stati Uniti. Poi, nelle ultime elezioni presidenziali del 2017, tra Sebastian Pinera e Alejandro Guilier, i loro voti totali hanno iniziato a diminuire, pur raggiungendo anche il 60% dei favoriti.

Ora, però, la cosa stupefacente è che forse i rappresentanti di queste due coalizioni, Sichel e Provoste, Non raggiungere il secondo piano », a cui si riferisce.

READ  Agli arresti domiciliari, ha chiesto di tornare in carcere perché non sopportava sua... sua moglie
Chile
GETTY IMAGES L'”epidemia sociale” del Cile è iniziata nell’ottobre 2019 e ha messo in dubbio il sistema politico ed economico che ha prevalso dal ritorno della democrazia in questo paese sudamericano.

“Penso che l’epidemia sociale sia finita”. Seppellire le due culture politiche nel periodo di transizione, centro sinistra e centro destra, che non sono mai stati riforniti molto e sono quelli che sembrano rinunciare”, dice Bellolio.

Per un ricercatore del Centro Studi Pubblici (CEP), Carmen Le FolonQuesto è stato un processo che è sorto prima ed è di fatto parte delle cause delle proteste sociali.

“L’identificazione del partito è stata gradualmente persa e quindi il voto non è più saldamente stabilito nel determinare l’identità del partito; non è un voto a lungo termine e prevedibile”, ha detto a BBC Mundo.

Questo ha aperto la porta a opzioni più radicali, con a Centro Sembra debole.

Scenari possibili

A causa dell’enorme incertezza e degli errori nei sondaggi di opinione, oggi è difficile prevedere chi guiderà queste elezioni.

La prima cosa da considerare è che Probabilmente non ci sarà un solo vincitore questa domenicaIn altre parole, nessuno dei candidati ha ottenuto la maggioranza – 50% +1 dei voti – per diventare immediatamente presidente.

Un fattore importante da tenere d’occhio è il numero di persone che voteranno (e che voteranno). Questa è una delle domande che causa più problemi agli esperti elettorali cileni perché dal momento che voto volontario Nel 2012, la maggior parte delle elezioni – presidenziali, comunali e altre – è stata caratterizzata da una bassa affluenza alle urne.

Nel secondo round– Che si terrà domenica 19 dicembre – Le due opzioni con il maggior numero di voti si sfideranno in questo primo turno.

Lo indica uno degli scenari citati dagli analisti consultati da BBC Mundo borico quadrato Saranno quelli che otterranno più voti.

GETTY IMAGES Jose Antonio Caste è il candidato del Partito Repubblicano, blocco a destra della coalizione ufficiale “Chile Podemos Mas”.

Casta, che non è il candidato ufficiale del blocco «Chile Podemos Mas», ma è un leader il Partito Repubblicano – che è più a destra di questa coalizione – avrebbe potuto raddoppiare il suo sostegno ottenendo voti da Sebastian Seychelles sotto la promessa di un governo che combatte con mano pesante l’insicurezza, il traffico di droga e l’immigrazione, tra l’altro.

READ  MSF installa una tenda umanitaria a Brianson per evitare che i migranti "moriscano congelati"

“La destra ha un piano complessivo del 40%. E di quel 40%, Kast otterrà circa il 30%. Molte persone lo sostengono perché propone il sistema”, afferma Bunker, che gestisce il sito web di analisi politica e informazione elettorale Tres Quintos.

Un altro scenario è scommettere su di loro Borek e Jasna Prevosto, Da sinistra del centro che gareggiano al secondo turno.

GETTY IMAGES Yasna è una candidata di centrosinistra.

Questo significa un Un duro colpo al governo di Sebastian Pinera e la sua alleanza.

Il rettore proviene da una coalizione politica molto ampia, molto più grande della coalizione CAST. Molti candidati in tutto il Cile stanno facendo una campagna con Provost e, nonostante il fatto che non ottenga molto nei sondaggi, potrebbe esserci un voto consistente quel giorno”, spiega Bunker.

D’altro canto, nonostante i sondaggi d’opinione pongano Cast come il candidato preferito, nell’ultimo dibattito presidenziale, svoltosi lunedì 15 novembre, è stato al fianco delle critiche, mentre la prestazione delle Seychelles è stata ampiamente celebrata nel suo settore.

Secondo gli esperti, questo può (ancora) cambiare le preferenze degli elettori. Si apre così un altro possibile scenario: che Sichel passi al secondo turno (non Kast), e che sia lui a competere con Boric o, alla fine, Yasna Provoste.

GETTY IMAGES Sebastián Sichel è il candidato per il blocco ufficiale “Chile Podemos Más” che sostiene il presidente Sebastian Pinera.

I candidati che avranno meno opzioni saranno i progressisti Marco Enriquez Uminamie Eduardo Artes (dalla sinistra radicale) e Franco Baresi, che vive negli Stati Uniti e non ha condotto personalmente una campagna in Cile né ha partecipato a dibattiti presidenziali.

Se qualcuno di loro andasse al secondo turno, il risultato sarebbe molto sorprendente.

Il giornalismo indipendente ha bisogno del supporto dei suoi lettori per andare avanti e assicurarsi che le notizie scomode che non vogliono che tu legga rimangano a portata di mano. Oggi, con il tuo supporto, continueremo a lavorare duramente per un giornalismo senza censure!

"Esperto di social media. Ninja della cultura pop. Appassionato di viaggi malvagi. Appassionato di zombi hipster. Amante della tv freelance."

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

SUPERDRAGONBALLHEROES.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.