Intervista esclusiva a Emerson Palmieri: Wembley ha brillato a Euro 2020 con l’Italia grazie al supporto di Roberto Mancini | notizie di calcio

Sono nella sua stanza a casa ed Emerson Palmieri non riesce a staccare gli occhi da loro. Sono i medaglioni di un’estate gloriosa. “Ogni giorno li guardo e ricordo quanto sono stato fortunato ad aver avuto questa opportunità”, dice. Sky Sport. “Mio figlio lo indossa.”

Emerson, vincitore della Champions League con il Chelsea a maggio, ha aiutato l’Italia a vincere Euro 2020 a luglio. Si occupa ancora degli eventi a Wembley. Vincere ai rigori contro l’Inghilterra. Circostanze che lo hanno trasformato in un eroe nazionale.

Dice: “Non riesco a esprimere a parole quello che è successo quella notte. Non posso dirti quanto ero emozionato. L’atmosfera, le persone, il fischio finale. I grandi sentimenti. È stato un momento speciale, un giorno speciale nella mia vita, ma non riesco a spiegarlo”.

Emerson non ricorda l’accumulo. “Ho acceso la TV e letto alcuni giornali inglesi. Erano davvero fiduciosi che l’Inghilterra avrebbe vinto”.

Ricorda anche i festeggiamenti a Roma dopo.

“Tornare con la coppa e festeggiare con la nazione è stato uno dei momenti più belli della mia vita. Dopo la delusione di non potersi qualificare per il Mondiale in Russia, è stato difficile. La gente era davvero delusa dalla squadra ma hanno creduto in noi.

“Riuscire a vincere l’Euro, tre anni dopo, è stato fantastico. Vedere una nazione così appassionata di calcio. Ce lo meritavamo davvero. L’Italia è uno dei paesi che ha sofferto di più per la pandemia. Le persone sono davvero così belle. gioia.”

Dopodiché è andato direttamente in Brasile, paese in cui è nato, per quattro giorni con la sua famiglia. Poi è stata una breve vacanza a Cancun, in Messico, con sua moglie e suo figlio. Ora, col senno di poi, può riflettere sui suoi successi: l’estate in cui è stato messo sotto i riflettori.

READ  New World è un MMO così buono che anche le GPU possono morire durante il gioco

Emerson, 26 anni, è ovviamente un giocatore di talento. Lo ha dimostrato con Roma, Chelsea e Italia. Ma dopo una stagione in cui la Premier League non è iniziata e Euro 2020 è iniziato come terzino sinistro di seconda scelta, il suo ruolo si è rivelato inaspettato.

Leonardo Spinazzola compone ancora la Squadra di Campionato. “Ha dimostrato di essere un grande giocatore, anche se lo sapevo già”. Ma l’infortunio nei quarti di finale contro il Belgio ha posto fine alla sua avventura. “È stata davvero sfortuna.” Emerson è stato chiamato quando contava di più.

L’hype da fuori era che questo avrebbe potuto danneggiare le possibilità dell’Italia, e sarebbe stato impressionante se fosse stato Spinazzola. “Quando giochi a questo livello, è normale che tutti ti guardino”. Ma mentre si stava spingendo, Emerson non ha sentito nulla dai suoi compagni di squadra.

“La vittoria non è stata solo una vittoria per due o tre giocatori, è stata una vittoria per il gruppo. Siamo riusciti a creare un gruppo in cui non ci sentivamo importanti chi giocava. Quello che importava era che chi giocava dava il massimo – Corro, per combattere e dare tutto.

“Per questo motivo non ho sentito molta pressione. Certo, c’era pressione personale lì, pressione che mi ero messo per giocare al livello di Spinazzola. Ma nessun altro mi stava mettendo quella pressione su di me. Abbiamo giocato come un squadra. Non è stato facile ma ce l’abbiamo fatta”.

Molto di questo è venuto da Roberto Mancini. Quando una nazione piangeva con Spinazzola, i suoi pensieri andavano a Emerson. In vista della semifinale contro la Spagna, ha sostenuto con enfasi il giocatore che ha dimostrato grande fiducia in lui da quando gli ha regalato la sua prima presenza in nazionale nel 2018.

READ  Uno studio dice che una "cometa mostruosa" si sta dirigendo verso il sistema solare, più grande di Marte (foto)

“Mancini è davvero un grande allenatore. Fin dall’inizio mi ha sempre chiamato e ha creduto in me. Si è fidato subito di me. L’anno scorso, ad esempio, non ho potuto giocare quanto avrei voluto al Chelsea. Tuttavia, ha chiamato io per gli euro.

“Dopo l’infortunio di Spinazzola, mi ha parlato e mi ha detto che avrei guidato l’intero torneo fino alla fine. Ha detto: ‘Noi crediamo in te, siamo dietro di te, ti supportiamo in ogni fase del percorso. Vai e fai quello che tu puoi fare.'” Gli sono molto grato”.

È anche grato per le opportunità che il suo paese adottivo gli ha offerto. Nato in Brasile, Emerson ha ottenuto la cittadinanza appena quattro anni fa, rintracciando radici italiane da parte di madre.

“Una volta arrivato in Italia mi hanno accolto. Mi sono sentito subito parte della squadra. Mi sono sentito italiano. Ho vissuto questa esperienza e tutti in Brasile, tutti i miei amici e la mia famiglia, hanno supportato la squadra perché sanno cosa ho passato per arrivare a questo punto.

“La mia famiglia, ci sentiamo tutti italiani nel cuore. L’Italia mi ha dato tanto. C’è il calcio, ma c’è tanto che l’Italia mi ha dato di più. Ho potuto crescere come uomo e come professionista in Italia, devo ringraziare l’Italia per tutto ciò che il Paese mi ha dato.

“Le parole non possono esprimere quanto sono grato per questo paese, quindi essere in grado di celebrare questo momento e vincere questa coppa significa il mondo per me. Non riesco ancora a spiegare cosa significhi per la mia famiglia. Spero che avremo altri momenti per condividere insieme.”

Avendo fatto solo sette presenze con il Chelsea la scorsa stagione, può aspettarsi di giocare di più questa volta dopo aver preso un prestito al Lione. Il suo ruolo più recente con il Chelsea è arrivato come sostituto inutilizzato nell’emozionante vittoria del club in Supercoppa UEFA sul Villarreal.

Emerson ha un gusto per i premi ora.

“Sono sempre stato fiducioso di poter fare bene, ma quest’anno dopo Champions ed Euro sono più fiducioso e in una buona posizione mentale. Ho raggiunto un punto della mia carriera e ora la parte difficile è mantenere quel livello.

“Ogni anno, all’inizio della stagione, ho obiettivi da raggiungere in termini di partite, gol, assist, ecc. Sono davvero fiducioso che questa stagione sarà fantastica.

“Il Mondiale è un po’ lontano. Non ci penso ancora, perché mi piace ancora quella sensazione. Godiamocelo ancora un po’ poi penseremo al Mondiale.

“Onestamente, mi piacerebbe davvero vincere di nuovo tutto perché è fantastico”.

Lui ride. È ora di dare un’altra occhiata a quelle medaglie.

Emerson Palmieri indossa le scarpe adidas X Speedflow disponibili da www.adidas.co.uk/football-shoes

Written By
More from Izer Noemi

Mertens 4°, Totti 5°… Capocannonieri tra i primi 5 club della Serie A

La Serie A è uno dei campionati più competitivi al mondo, con...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *