La vita sulla Terra, e l’intero pianeta, incontreranno la sua fine finale

Per più di 4 miliardi di anni, la vita terrestre è sopravvissuta e prosperata.

Questa veduta aerea della Grand Prismatic Spring nel Parco Nazionale di Yellowstone è una delle attrazioni idrotermali più famose al mondo. I colori sono dovuti ai diversi organismi che vivono in queste condizioni estreme e dipendono dalla quantità di luce solare che raggiunge le diverse parti delle sorgenti. I campi idrotermali come questi sono alcuni dei migliori siti candidati per la vita sulla Terra. (attribuito a lui: Jim Peaco / Servizio Parchi Nazionali)

Ma con il passare del tempo, le prossime catastrofi del futuro colpiranno il pianeta.

Questo capitolo presenta le diverse regioni della superficie e dell’interno del Sole, compreso il nucleo, dove avviene la fusione nucleare. Nel tempo, la regione del nucleo in cui avviene la fusione nucleare si espande, con conseguente aumento della produzione di energia solare. (attribuito a lui: Wikimedia Commons/Kelvin Song)

Man mano che il Sole invecchia, il suo nucleo si espande e si riscalda, aumentando il tasso di fusione nucleare.

Se tutto il resto fallisce, possiamo essere sicuri che l’evoluzione del Sole sarà la morte di tutta la vita sulla Terra. Molto prima di raggiungere lo stadio di gigante rossa, l’evoluzione stellare illuminerà il Sole abbastanza grande da far bollire gli oceani della Terra, il che quasi certamente spazzerà via l’umanità, se non tutta la vita sulla Terra. La velocità esatta dell’aumento delle dimensioni del Sole, così come i dettagli della sua perdita di massa in fasi, sono ancora completamente sconosciuti. (attribuito a lui: Wikimedia Commons/Oliver Bateson)

Dopo altri 1 o 2 miliardi di anni, la sua produzione di energia farà bollire gli oceani della Terra.

Oggi, le acque oceaniche sulla terraferma bollono, di solito, solo quando la lava o qualche altra sostanza surriscaldata vi penetra. Ma in un lontano futuro, l’energia del sole sarà sufficiente per farlo, e su scala globale. (attribuito a lui: Jennifer Williams/Flickr)

Quindi, le interazioni gravitazionali tra i pianeti interni disturbano le loro orbite.

I pianeti si muovono costantemente nelle loro orbite a causa della conservazione del momento angolare. Senza alcun modo per guadagnare o perdere momento angolare, rimangono nelle loro orbite ellittiche arbitrariamente lontano nel futuro. Tuttavia, se esercitano forze reciproche l’uno sull’altro e il Sole assume una dimensione finita, le forze gravitazionali e di marea esercitate potrebbero portare a scenari evolutivi così caotici che uno o più di questi pianeti potrebbero alla fine essere espulsi. (attribuito a lui: NASA/JPL/JL. Georgiano)

Ci sono poche possibilità di sputare tra ogni pianeta roccioso: Terra inclusa.

Quando un corpo planetario subisce la sua perturbazione gravitazionale di una quantità sufficientemente grande, la sua orbita può diventare instabile, provocando una catastrofe come l’espulsione o la caduta del Sole, come mostrato qui per HD 189733b, un pianeta divorato dalla sua stella madre. (attribuito a lui: NASA/GSFC)

Dopo 4 miliardi di anni si verificò l’inevitabile fusione di Andromeda e della Via Lattea.

Una serie di istantanee che mostrano la fusione tra la Via Lattea e Andromeda e come il cielo apparirà diverso dalla Terra quando accadrà. Questa fusione avverrà quasi 4 miliardi di anni nel futuro, con una massiccia esplosione di formazione stellare che porterà a una galassia ellittica rossa, morta e priva di gas: Milkdromeda. L’unico grande ovale è il destino ultimo dell’intero gruppo domestico. Nonostante le dimensioni e il numero di stelle coinvolte, solo circa 1 su 100 miliardi di stelle si scontreranno o si fonderanno durante questo evento. (attribuito a lui: NASA. Z. Levay e R. van der Marel, STScI; NS. Versetto. Mellinger)

Nonostante la formazione di nuove stelle, supernovae e collisioni stellari, la Terra probabilmente rimarrà inalterata.

Tra circa cinque o sette miliardi di anni, il Sole esaurirà l’idrogeno nel suo nucleo. L’interno si restringerà, si riscalderà e alla fine inizierà la fusione dell’elio. A questo punto, il sole si gonfierà, l’atmosfera terrestre evaporerà e tutto ciò che resta della nostra superficie sarà carbonizzato. Ma anche quando si verifica questo evento catastrofico, la Terra potrebbe non essere inghiottita, rimanendo un pianeta, anche se un pianeta molto diverso dal mondo che conosciamo oggi. (attribuito a lui: ESO / L. Marciapiede)

Dopo alcuni miliardi di anni, il Sole è diventato una gigante rossa.

Quando il sole diventa una vera gigante rossa, la Terra può o meno inghiottirlo da sola, ma sicuramente arrosserà come mai prima d’ora. Sia Venere che Merocre non sarebbero così fortunati, perché il raggio del Sole gigante rosso includerebbe facilmente entrambi i mondi interni del nostro sistema solare, ma si stima che la Terra sarebbe al sicuro a circa 10-20 milioni di miglia di distanza. (attribuito a lui: Wikimedia Commons / Fsgregs)

È destinato a ingoiare Mercurio e Venere, il destino della Terra ancora in dubbio.

Quando il Sole esaurirà completamente il suo combustibile nucleare, esploderà i suoi strati esterni in una nebulosa planetaria, mentre il centro si restringerà in una stella nana bianca calda e compressa. Non è chiaro se questo processo spingerà la Terra abbastanza lontano da evitare di andare alla deriva nei resti delle stelle centrali, o se il nostro pianeta annienterà la nostra scomparsa nel processo. (attribuito a lui: F. Perez, J. L., Lamadrid, J. Harvey, S. Mazlin, A.; guigaro)

perdita di massa stellare Spinge l’orbita terrestre verso l’esterno; Potremmo ancora sopravvivere.

Dopo che il Sole esce dalla sua fase di gigante rossa, i suoi strati esterni esplosivi si dissipano e rimane solo una nana bianca, rimarranno molti pianeti, inclusa, molto probabilmente, la Terra. Se questo evento non ha distrutto il nostro pianeta, probabilmente vivremmo per altri 10^26 anni circa. (attribuito a lui: David A. Aguilar / CfA)

Se è così, orbiteremo attorno alla nostra nana bianca rimanente per eoni venire.

Quando si verifica un gran numero di interazioni gravitazionali tra sistemi stellari, una singola stella può ricevere un calcio abbastanza grande da essere espulsa da qualunque struttura appartenga. Osserviamo stelle in fuga nella Via Lattea anche oggi. Una volta che se ne sono andati, non torneranno mai più. Si stima che questo accadrà al nostro Sole tra 10^17 e 10^19 anni da oggi, con quest’ultima opzione probabile. Tuttavia, la maggior parte degli scenari prevede che il sistema Terra-Luna rimanga legato al Sole quando ciò si verifica. (attribuito a lui: J. Welch e Z. Levy, Agenzia spaziale europea/NASA)

dopo ~1019 Anni, interazioni massicce scacciano la maggior parte delle stelle e dei sistemi solari.

Formazioni speciali nel tempo, o interazioni gravitazionali individuali con il passaggio di grandi masse, possono distruggere ed espellere grandi oggetti dai sistemi solari e dai pianeti. Nelle prime fasi del sistema solare, solo molte masse vengono espulse dalle interazioni gravitazionali che sorgono tra i protopianeti, ma nelle fasi successive solo incontri casuali causano l’emissione planetaria, e questi sono molto più rari di quelli che espelleranno interi sistemi solari. (attribuito a lui: S. Basu, E. I. Vorobyov e Al DeSouza; arXiv: 1208.3713)

Tuttavia, la Terra è ancora in orbita attorno ai resti della nostra stella, con la radiazione gravitazionale che causa ispirazione.

Gli effetti del movimento e dell’accelerazione del nostro pianeta attraverso lo spazio-tempo curvo causati dalla massa centrale che stabilizza il nostro sistema solare alla fine porteranno alla dissoluzione dell’orbita terrestre. Questa perdita di energia dovuta alla radiazione gravitazionale è lenta ma costante e porterà all’effettiva scomparsa del nostro pianeta in circa 10^26 anni. (credito: American Physical Society)

dopo ~1026 Anni, le maree faranno a pezzi il pianeta.

Quando un singolo oggetto molto massiccio si avvicina a una massa maggiore, le forze di marea diventano abbastanza grandi da superare l’energia di legame gravitazionale, lacerando l’oggetto e allungandolo in un anello, prima di piovere e depositarsi sulla superficie di un oggetto più massiccio. I resti del Sole potrebbero fare questo alla Terra in ~10^26 anni. (attribuito a lui: NASA / JPL-Caltech)

Il cadavere della nana nera del sole divorerà finalmente le ceneri rimanenti della Terra: la nostra fine finale.

Dopo che il sole diventa una nana nera, se nulla viene espulso o si scontra con i resti della Terra, la radiazione gravitazionale alla fine ci farà sbattere verso l’interno, squarciare e infine inghiottire dai resti del nostro sole. (attribuito a lui: Jeff Bryant/Vistapro)

Solo il raro e l’isolato pianeti espulsi Rimarrà intatto più a lungo.

I pianeti canaglia possono avere una varietà di origini esotiche, come originare da stelle frantumate o altro materiale, o da pianeti espulsi dai sistemi solari, ma la maggior parte deve provenire da nebulose di formazione stellare, come masse gravitazionali che non raggiungono mai le stelle. Dimensioni oggetti. Quando si verifica l’evento di microlente, possiamo usare la luce per ricostruire la massa sovrapposta del pianeta. (Credit: C. Pulliam, D. Aguilar/CfA)

Mostly Mute Monday racconta una storia astronomica con immagini, immagini e non più di 200 parole. taciturno; sorridi di più.

Written By
More from Emet Silvana

Un asteroide delle dimensioni di un grattacielo sta per schiantarsi dalla Terra oggi all’equinozio d’autunno

Un asteroide scoperto all’inizio di quest’anno che il suo punto più vicino...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *