Marocco, Mohammed VI spiava Lalla Salma via Pegasus?

Lalla Salma dal Marocco

Il re del Marocco, Mohammed VI, ha spiato la principessa Lalla Salma attraverso il programma Pegasus dopo la loro separazione tre anni fa?

L’emiro di Dubai Mohammed bin Rashid Al Maktoum è stato accusato di aver utilizzato lo spyware Pegasus per indagare sulla privacy della sua sesta moglie, la principessa Haya Bint Al Hussein. Una situazione che ci porta a chiederci se il Re del Marocco non abbia fatto altrettanto, tanto più che il regno è accusato di utilizzare questi spyware israeliani, per ispezionare la vita di alcune personalità.

Il tribunale della famiglia di Londra, incaricato di giudicare una causa di divorzio tra l’emiro di Dubai, Mohammed bin Rashid Al Maktoum, e la sua sesta moglie, la principessa Haya Bint Al Hussein, ha confermato che quest’ultima è stata spiata dal programma Pegasus. Questa conclusione è supportata da quanto rivelato lo scorso luglio, attraverso sondaggi pubblicati, dopo i risultati delle “storie proibite”.

La corte ha anche esaminato i telefoni ed è giunta alle seguenti conclusioni: circa 265 megabyte di dati sono stati estratti segretamente dal telefono principale della principessa Haya in Giordania, tramite il programma Pegasus. Informazioni contestate dai consulenti legali dell’emiro di Dubai che stanno cercando di smontare queste accuse.

Il Marocco è stato citato anche in questo caso di “storie proibite” con accuse di spionaggio attraverso lo stesso programma Pegasus contro personalità marocchine, algerine e persino francesi. È già stato fatto notare che il regno ha perquisito i cellulari di oltre 6.000 algerini e che nemmeno il presidente Emmanuel Macron è stato estradato dal Marocco, che avrebbe “registrato uno dei telefoni cellulari” del leader francese.

READ  Google consentirà la verifica in due passaggi su 150 milioni di account entro la fine del 2021

Basti chiedersi se il re del Marocco, Mohammed VI, non sarebbe propenso ad approfondire la vita della principessa Lalla Salma, dopo la loro separazione nel 2018. Niente è meno certo. Quel che è certo è che il Marocco ha negato di utilizzare questo programma sviluppato dal Gruppo NSO per spiare personalità. Ancora meglio, il regno ha presentato denunce contro i suoi “critici”, l’ultimo dei quali è il giornale umanità.

È stato riferito che la principessa Haya Bint Al Hussein, nota come Haya di Giordania, è fuggita da Dubai nel 2019, dopo una disputa con suo marito, il principe Mohammed bin Rashid Al Maktoum. Si stabilì a Londra con i suoi figli e iniziò la procedura di divorzio. Per quanto riguarda la principessa Lalla Salma, è scomparsa dal suo divorzio dal re Mohammed VI.

Leggere: Il caso giordano Haya: temiamo Lalla Salma?

Written By
More from Abramo Insigne

Più di 40 persone sono state uccise in due attacchi contro due villaggi – Parlamento

Barlamane.com | 21:39 – 27 settembre 2021 Più di 40 persone sono...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *