Pessimo antiquariato per l’Europa e soprattutto per la Francia

Quest’anno sono stati prodotti pochi vini. Lo afferma l’Organizzazione internazionale per la viticoltura (OIV). I tre principali paesi europei del vino, Italia, Spagna e Francia, hanno dovuto fare i conti con condizioni meteorologiche sfavorevoli.

La produzione mondiale di vino è stimata intorno ai 250 milioni di ettolitri. È vicino alla produzione storicamente bassa del 2017. Rispetto all’anno scorso, quando gli agricoltori stavano già consegnando al di sotto della media, ci sarebbe stato un calo del 4%.

In Francia ad aprile c’è stato un freddo molto freddo, seguito da molte piogge in estate. Anche i vigneti francesi non sono immuni dalla muffa. Il risultato: il 27% in meno di vino francese rispetto al 2020 e il volume più basso dal 1957.

Freddo gelido ad aprile.
Foto: EPA-EFE

Anche la Francia, da tempo il secondo Paese vinicolo del mondo, sarà superata dalla Spagna per la prima volta dal 2013. L’Italia è ancora in testa alla classifica. I primi tre centri europei rappresentano ancora il 45 per cento della produzione mondiale.

È anche fantastico: nell’emisfero australe le cose sono andate bene per i coltivatori di vigneti. La produzione di quest’anno raggiungerà il record di 59 milioni di ettolitri, con un aumento del 19 percento. Cile e Australia forniranno più del 30% quest’anno.

READ  Irlanda del Nord: il giovane Dale Taylor del Nottingham Forest convocato per la prima volta per le qualificazioni ai Mondiali 2022 | notizie di calcio
Written By
More from Abramo Insigne

I primi risultati delle elezioni legislative danno un vantaggio all’opposizione

EFE La principale coalizione di opposizione argentina guida il partito al governo...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *