Raheem Sterling: L’attaccante del Manchester City è aperto a un trasferimento all’estero se non ottiene più tempo per giocare

Raheem Sterling ha iniziato solo due volte per il Manchester City in Premier League in questa stagione

L’attaccante del Manchester City Raheem Sterling ha detto che sarebbe stato aperto a giocare all’estero se non avesse avuto più tempo per giocare all’Etihad Stadium.

Il nazionale inglese, il cui contratto scade nel 2023, ha detto di aver sognato “fin da giovane” di giocare all’estero.

“Se c’è l’opportunità di andare da qualche altra parte, sarei aperto a questo”, ha detto Sterling, 26 anni.

“In questo momento, il calcio è la cosa più importante per me”.

“Ho sempre avuto qualcosa che un giorno mi sarebbe piaciuto suonare all’aperto e vedere come affrontare questa sfida”.

Sterling ha iniziato una partita di Premier League dal weekend di apertura della stagione, anche se era nella squadra di Pep Guardiola per la sconfitta nella fase a gironi di Champions League contro il Paris Saint-Germain il 28 settembre.

L’arrivo di £ 100 milioni del compagno di squadra inglese Jack Grealish dall’Aston Villa ha aumentato la competizione per i primi posti della City, anche se l’assenza di Ferran Torres per almeno un mese con un piede rotto riduce le opzioni di Guardiola.

Sterling è arrivato al City dal Liverpool nel 2015 e ha vinto tre volte la Premier League, una volta la FA Cup e quattro volte la Coppa di Lega.

“Non sono uno che si lamenta”, ha detto, parlando al vertice del Financial Times of Sports negli Stati Uniti. “Non ho cercato di renderlo un affare più grande di quello che è. Non vedo l’ora di andare a giocare a calcio e segnare regolarmente”.

Tuttavia, resta inteso che Sterling non prenderà in considerazione la possibilità di firmare un nuovo contratto fino a quando non giocherà di nuovo regolarmente, aumentando la possibilità di realizzare l’ambizione permanente di giocare all’estero.

“Il razzismo non viene preso sul serio”

Sterling ha detto all’evento a Londra che si era tirato indietro dal parlare di razzismo in pubblico per concentrarsi sul tentativo di “ottenere più azione all’interno di ciò che posso fare”.

L’ala del Manchester City e dell’Inghilterra è stata presa di mira in passato e in estate ha dovuto sostenere i compagni di squadra Jadon Sancho, Marcus Rashford e Bukayo Saka dopo essere stati oggetto di abusi razzisti dopo aver saltato i rigori durante la sconfitta finale di Euro 2020 di luglio contro l’Italia a Wembley.

“Se fossero commenti su qualcos’altro, sarebbero presi più sul serio”, ha detto. “Gli abusi razzisti, che non sento, vengono presi sul serio come altri argomenti.

“È qualcosa di cui stiamo ancora parlando e sta ancora accadendo”.

Commentando la reazione alla sconfitta dell’Italia, Sterling ha aggiunto: “La mia principale preoccupazione era il benessere dei miei compagni di squadra e assicurarmi che stessero bene.

“A nessuno piace sbagliare un rigore. Avere la fede di farsi avanti quando milioni di persone stanno guardando e poi subire abusi razziali in seguito, è deludente”.

READ  Dopo qualche giorno.. Attenzione, "WhatsApp" fermerà questi dispositivi!
Written By
More from Izer Noemi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *