Senza di lui non ci sarebbe la Turchia moderna: il padre della nazione

Dichiarò la repubblica nell’ottobre 1923 e durante il suo mandato che durò fino alla sua morte, il 10 novembre 1938, avviò riforme politiche e sociali nel paese, che trasformarono la Turchia in uno stato moderno e laico con un orientamento europeo.

Subito dopo essere salito al potere, Ataturk iniziò il più radicale programma di secolarizzazione che fosse mai stato attuato in una singola comunità musulmana.

Vi presentiamo fatti interessanti e fatti meno noti della vita di Ataturk

– La Turchia non esisteva come stato nazionale 100 anni fa e i turchi non avevano soprannomi. Ataturk si impadronì quindi della terra che le potenze occidentali volevano dividere e stabilì una repubblica moderna.

L’uomo che ha fondato la Turchia nel 1881 è nato alla periferia dell’antico impero ottomano nel porto greco di Salonicco. Sua madre era una contadina analfabeta e suo padre non era un mercante di grande successo. Nonostante l’opposizione dei suoi genitori, decise di studiare nelle scuole militari

Atatürk era un avversario complesso, coraggioso, risoluto e pericoloso, e sebbene pochi avessero sentito parlare di lui nel 1919, solo quattro anni dopo sconfisse Gran Bretagna e Francia e fondò un nuovo stato turco.

Ha guadagnato fama durante la prima guerra mondiale quando la Turchia ha combattuto dalla parte della Germania. Da giovane ufficiale, comandò l’esercito turco vicino a Gallipoli nel 1915. Atatürk è un eroe nazionale e la vittoria a Gallipoli aprì la strada alla Guerra d’Indipendenza e alla nascita della Repubblica Turca.

Quando iniziò la prima guerra mondiale, Ataturk visse una vita agiata come diplomatico in Bulgaria. Ha visitato l’opera di Sofia per la prima volta. Quindici anni dopo, incluse la costruzione di un’opera nei suoi piani per la nuova capitale, Ankara. Ha imparato a suonare, e più tardi nella sua repubblica i funzionari hanno dovuto giocare ai balli ufficiali “come fanno in Occidente”.

READ  In Italia un uomo chiede il carcere invece di scontare la pena a casa

– Con la sua ascesa al potere separò la religione dallo Stato e abolì gli ordini religiosi. La laicità è stata inclusa nella costituzione. Avendo deciso di europeizzare la società turca, sostituì il calendario islamico con il calendario gregoriano. Per favorire il progresso dell’economia organizzò opere pubbliche. Ankara è diventata un importante cantiere. A quel tempo, alle donne era proibito indossare il velo e gli uomini indossavano un fez. Le sue riforme, note come kemalismo, cambiarono letteralmente ogni aspetto della vita turca nei successivi otto decenni.

– Con la sua ascesa al potere, l’alfabeto arabo fu rimosso dalle istituzioni statali e sostituito dall’alfabeto latino. Ataturk visiterà i villaggi turchi nel suo cappello occidentale e insegnerà agli abitanti del villaggio un nuovo alfabeto.

– Dal 1934, i turchi hanno dovuto aggiungere il cognome ai loro nomi, cosa che non era consuetudine fino a quel momento. Lo stesso Mustafa Kemal ricevette il titolo di Atatürk – il padre dei turchi – in Parlamento.

I figli lo amavano e lo amavano, ma lui diceva sempre che è bene non avere figli, perché i figli dei grandi uomini di solito sono decadenti. Tuttavia, ha adottato 13 bambini e ha fornito a tutti una vita dignitosa e un futuro sicuro. Sposato da poco, due anni. Ha divorziato nel 1925 per una presunta relazione con il cugino del suo patrigno.

Il suo figlio adottivo più famoso è Sabiha Gektion, la prima donna pilota di guerra della Turchia.

Ataturk parlava correntemente francese e tedesco. Amava giocare a biliardo e leggere molto. Era orgoglioso della sua ricca biblioteca privata.

– Non ha permesso a Radio Ankara di trasmettere musica tradizionale turca, ma ha continuato ad ascoltarla con i suoi amici. I suoi subordinati sapevano che dovevano ignorare ogni comando che dava di notte, durante le sue frequenti abbuffate. E Ataturk amava l’alcol.

READ  Questo trucco per la fotocamera di Pixel 6 eliminerà quella persona a caso sullo sfondo della tua foto

Per lui – e con i suoi leader e uomini – l’Islam era un “pugnale velenoso puntato al cuore del mio popolo”

– Amava andare nella sua fattoria e non esitò a “rimboccarsi le maniche” e impegnarsi in lavori fisici nella tenuta. Un anno prima della sua morte, donò la fattoria all’amministrazione statale e parte della proprietà ai comuni di Ankara e Bursa. Ha diviso il resto della proprietà tra sua sorella, i suoi figli adottivi e l’Associazione di lingua e storia turca.

– Dato che Ataturk è morto alle 09:05, anche in Turchia c’è un’usanza di fermare il traffico in sua memoria in quel momento. Morì in un palazzo situato sulle rive del Bosforo, e nella stanza dove morì Ataturk e oggi si trova l’orologio, si fermò alle 9:05 del giorno della sua morte.

Il corpo di Ataturk è oggi al mausoleo di Anitkabir ad Ankara. Questo grande santuario si trova su una collina sopra Ankara. Il complesso è immerso nel verde. Il mausoleo di Ataturk è visitato da più di 11 milioni di persone ogni anno.

– C’è una cura per un mito nella Repubblica di Turchia, e anche la legge vieta di disturbare la sua memoria.

Citazioni di Ataturk

Il mio popolo seguirà i principi della democrazia e i dettami della verità e della conoscenza scientifica. I miti devono scomparire. Lascia che adorino come vogliono. Ogni uomo può seguire la propria coscienza purché non contraddica il buon senso e non neghi la libertà dei suoi simili.

Gli insegnanti sono gli unici guardiani della nostra nazione.

La razza umana è composta da donne e uomini. Mi chiedo se sia possibile per il mondo migliorare promuovendo un solo genere e ignorando l’altro?

READ  Gigi, il nuovo ristorante italiano dell'Associazione Parigi

L’istruzione è la guida più affidabile nella vita.

L’umanità è un corpo e ogni nazione ne fa parte. Non dovremmo mai dire “che mi importa se una parte del mondo è malata”. Se esiste una tale malattia, dobbiamo trattarla come se l’avessimo con noi.

Kurir.rs/24sata.hr

Consegna

Written By
More from Abramo Insigne

Le milizie azere Husayniyun fondate da Soleimani compaiono nella crisi a Teheran e Baku

Nel mezzo dell’escalation della crisi tra Iran e Azerbaigian, che ha raggiunto...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *