Uno scontro è scoppiato durante un’operazione carceraria in Ecuador.. Un carro armato è entrato nel carcere!

class=”medyanet-inline-adv”>

Ecuador Secondo un resoconto dei media, Littoral si trova a Guayaquil, nello stato di Guayas PrigioneHa sentito il suono degli spari nell’ottavo episodio ed è entrato nel serbatoio della prigione.

Un agente di polizia e diversi detenuti sono rimasti feriti nello scontro scoppiato tra le forze speciali e dei mafiosi entrati nel carcere con i fumogeni.

D’altra parte, l’Autorità forense nazionale ha affermato nella sua dichiarazione che solo 41 dei 118 detenuti morti erano stati identificati e 21 di loro erano stati consegnati alle loro famiglie.

Notizie correlate:Questo grido è insopportabile! “Ho visto il cadavere di mio figlio sui social media”.

Le famiglie dei detenuti continuano ad aspettare con ansia e rabbia intorno al carcere. Gli scontri tra bande hanno provocato la morte di 118 prigionieri e il ferimento di oltre 80.

In una conferenza stampa del 30 settembre, il presidente Guillermo Lasso ha dichiarato lo “stato di emergenza” di 60 giorni nel sistema di tutte le carceri del Paese.

Il direttore generale del sistema carcerario, Bolívar Garzón, ha affermato che stanno affrontando una grande tragedia. Egli ha detto.

class=”medyanet-inline-adv”>

Il 24 febbraio, 80 prigionieri sono stati uccisi in disordini scoppiati contemporaneamente in 3 città del Paese.

Nelle carceri dell’Ecuador, dove sono detenuti circa 38.000 prigionieri e detenuti, gli eventi tra bande a volte portano a rivolte.

Negli scontri scoppiati tra i detenuti in due diverse carceri del Paese il 23 luglio, 21 persone sono state uccise e 35 ferite.

READ  Momenti salienti del calcio: la mappa tattile di Mark Noble racconta una grande storia
Written By
More from Abramo Insigne

La regina Elisabetta del Regno Unito ha trascorso una notte in ospedale, dice Buckingham Palace

La regina Elisabetta, il monarca più longevo della Gran Bretagna, detiene il...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *