A 28 milioni di anni luce di distanza: Scoperta di un pianeta al di fuori della Via Lattea – Notizie dall’estero

Gli astronomi hanno fatto una scoperta entusiasmante: i ricercatori, guidati dall’Harvard-Smithsonian Center for Astrophysics (CfA) di Cambridge (USA), sono riusciti per la prima volta a scoprire un pianeta in una galassia diversa dalla Via Lattea: utilizzando una nuova misurazione hanno scoperto nel Whirlpool Galaxy M51 (Messier 51) – a una distanza di circa 28 milioni di anni luce!

In un’intervista con BILD, Ulrich Köhler, geologo planetario presso il Centro aerospaziale tedesco (DLR) spiega come gli scienziati hanno raggiunto questo obiettivo e cosa significa.

„Bisher hat man Planeten nur in unserer eigenen Galaxie, der Milchstraße, entdecken können, inzwischen 4000. Doch man ging schon immer davon aus, dass es auch in Nachbaroder weiter entfernten Galaxiene Galaxiene natärne gänsek Ernechrne. L’unico problema è sempre stato trovarli, ma ora è stato raggiunto”.

Per diversi anni, secondo Köhler, hanno iniziato a studiare le stelle nelle nostre galassie vicine e oltre a M51 – anche M101 e M104 – un totale di 238 sistemi.


La galassia a spirale prende il nome dalla sua forma a spirale. Il riquadro mostra la regione in cui è stato scoperto il nuovo pianeta Foto: NASA

Finora la svolta con M51 – con l’aiuto dell’Osservatorio Chandra della NASA e del telescopio spaziale XMM-Newton dell’ESA, due telescopi a raggi X. orbitano attorno alla Terra in un’ampia ellisse a una distanza compresa tra 20.000 e 129.000 km.


Il telescopio a raggi X Chandra è stato messo in orbita terrestre dalla NASA nel 1999 mentre un satellite orbita attorno alla Terra a grandi altitudini, senza alcuna influenza dall'atmosfera terrestre.

Il telescopio a raggi X Chandra è stato messo in orbita terrestre dalla NASA nel 1999 e orbita intorno alla Terra come un satellite a grandi altitudini, senza alcuna influenza dall’atmosfera terrestre.Foto: NASA


XMM-Newton è un satellite a raggi X dell'Esa: è anche in orbita terrestre dal 1999

XMM-Newton è un satellite a raggi X dell’Esa: è anche in orbita terrestre dal 1999Foto: dpa

Il nuovo approccio dei ricercatori

“Se un pianeta passa una stella nella sua orbita, c’è una leggera diminuzione della luce – e questo può essere misurato nella nostra galassia fino allo 0,01%”, afferma Kohler. Problema: questo metodo non può essere utilizzato con altre galassie lontane.

Nel caso di M51, i ricercatori hanno osservato un sistema stellare binario con una stella di neutroni o forse un buco nero (luce brillante nell’illustrazione). Questo primo rimuove permanentemente i gas dalla seconda stella significativamente più grande (azzurro nell’illustrazione), che si riscalda pesantemente nel processo. Vengono emessi raggi X, che – a differenza della luce – sono un’onda più corta, più energetica e quindi consentono una risoluzione maggiore. Questo può essere misurato anche su lunghe distanze.


L'esopianeta appena scoperto (nero nell'illustrazione) chiamato M51-ULS-1

L’esopianeta appena scoperto (nero nell’illustrazione) chiamato M51-ULS-1Foto: NASA

“Al passaggio del pianeta, la visibilità di questo flusso continuo di gas viene brevemente indebolita, che nella curva di misurazione viene chiamata ‘pendenza’. Ora i ricercatori sono riusciti a mostrare queste debolezze, che si ripetono regolarmente. In seguito, ciò potrebbe significare solo quel qualcosa Che deve attraversare più e più volte, in questo caso il pianeta”, afferma Kohler.

Qual è il significato della scoperta?

“L’obiettivo degli astronomi è scoprire perché la Terra esiste, con la vita e l’acqua – ed è un’esclusiva nostra? Ci sono 200 miliardi di stelle solo nella nostra galassia”, afferma Kohler. “La galassia più vicina a noi è Alpha Centauri, circa quattro anni luce di distanza — e un anno luce di distanza è di circa 10 trilioni di chilometri. Ma ci sono miliardi di galassie che sono molto più lontane e dove la vita può evolversi. Tuttavia, non sarà mai alla portata dell’uomo perché i sistemi di azionamento non sono sufficienti”.

READ  Italia-Belgio 2-1: Squadra Azzurri vince e terzo posto in Nations League
Written By
More from Emet Silvana

30 milioni di anni fa ci fu un’estinzione di massa e gli scienziati l’hanno appena scoperta

Bur Deutsche Welle 08 ottobre 2021 “Era un vero pulsante di reset”:...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *