Foto sconvolgenti in Italia, dove una frana ha gettato in mare 200 bare

Foto scioccanti in Liguria, Italia, dove si è verificata una frana in una parte di un cimitero e circa 200 bare hanno raggiunto il mare.

Inoltre, ci sono due cappelle, all’interno delle quali si trovano corpi senza vita, che sono stati implicati nella frana, e ora sono in mare. L’incidente è avvenuto nella località turistica di Camogli, probabilmente a causa dell’erosione costiera, aggravata dalle violente mareggiate che hanno colpito la Liguria negli ultimi anni, secondo il quotidiano britannico Guardian. Sky TG24.

Una frana ha gettato in mare 200 bare in Italia. Foto: Immagini Profimedia

Le 200 bare che hanno raggiunto il mare si trovavano nel cimitero situato sul litorale della località turistica, a circa 50 metri sul livello del mare.

Tino Revello, consulente per i lavori pubblici di Camogli, ha spiegato che l’area era sotto sorveglianza da tempo e che attualmente sono in corso i lavori per cementare la costa rocciosa sottostante il cimitero. L’area è stata chiusa a causa di strani rumori che si sono sentiti negli ultimi giorni”.Ravello ha aggiunto.

Sul posto sono intervenute squadre di sommozzatori, vigili del fuoco, barche della guardia costiera e un elicottero dei vigili del fuoco.

Sono state recuperate 10 bare e le squadre di intervento hanno adottato misure per impedire che altre bare raggiungessero il mare. Sono state adottate anche misure sul campo per prevenire incidenti.

Il comune ha recentemente ricevuto un finanziamento di 500.000 euro per cementare la costa in quella zona, e durante questo periodo ci hanno lavorato duramente. Per fortuna, quando è avvenuto l’incidente lunedì, nessuno lavorava lì.

Editore: Capitale

READ  La Via Lattea: il colossale pericolo che l'umanità non conosceva
Written By
More from Muhammad Lalia

Canada: La foto dalla faccia nera che “brucia” Justin Trento

A poche ore dall’inizio delle urne, il primo ministro del Paese affronta...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *