Per il secondo anno consecutivo, il fenomeno La Nina devasta di nuovo l’atmosfera | Arabia meteo

Arabia meteo – La maggior parte dei centri di monitoraggio e delle agenzie globali, inclusa l’Amministrazione nazionale oceanica e atmosferica (NOAA) indicano ancora per il secondo anno consecutivo lo sviluppo del fenomeno La Niña, con le sue possibili conseguenze per la prossima stagione delle piogge.

La rinascita di La Nina

Cos’è il fenomeno La Niña?

Il fenomeno di La Niña è definito inizialmente come una diminuzione della temperatura delle acque superficiali nell’Oceano Pacifico tropicale di oltre 0,5°C rispetto alla loro media generale.

Secondo quanto annunciato dalla National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), il fenomeno La Niña è tornato a dominare la regione tropicale dell’Oceano Pacifico, e si prevede che continuerà ad un ritmo superiore all’87% durante il prossimo inverno , e il fenomeno La Niña colpisce principalmente i sistemi atmosferici, il che porta a un’inversione di quello Sul tempo in diverse regioni del mondo.

La Niña è stata statisticamente associata ad un aumento delle condizioni meteorologiche estreme, poiché il continente australiano è caduto a piogge intensificate a causa del ritiro delle acque calde nell’Oceano Pacifico occidentale, in contrasto con deboli piogge nelle coste del Perù e del Sud America, tutte di cui in seguito riflette un cambiamento nei sistemi meteorologici alle latitudini medie e superiori e cambiamenti nel tempo in ampie regioni.

Per gli interessati e gli specialisti

In che modo il fenomeno La Nina influisce sul clima nel mondo arabo?

Gli alisei soffiano da est a ovest nella regione equatoriale dell’Oceano Pacifico a causa della rotazione della Terra su se stessa, e da qui inizia la storia di La Niña.L’umidità forma un sistema di bassa pressione atmosferica, quindi l’aria viaggia di nuovo lungo la parte superiore della troposfera verso l’Oceano Pacifico orientale, formando un anello, poi quest’aria fredda converge su e giù lungo la costa orientale dell’Oceano Pacifico formando una regione di alta pressione, e quindi il vento si sposta dal sistema alto alla superficie bassa per completare questo ciclo, noto come ciclo di Walker.

READ  Il presidente Seni Oumarou riceve gli ambasciatori di Italia e Senegal - Sahel

L’effetto del fenomeno La Niña non si limita al movimento verticale dell’aria all’equatore, poiché l’aria che sale dalla regione equatoriale del Pacifico si dirama dall’equatore verso le latitudini nord e sud più alte, spostando l’aria calda tropicale verso il Tropici del Cancro e del Capricorno per scendere verso la superficie della Terra e tornare di nuovo all’equatore e questo è chiamato rotazione di Hadley.

La corrente a getto subtropicale si forma a seguito della confluenza dei venti superiori del ciclo di Hadley con il ciclo di Ferrel, il che significa che il fenomeno di La Niña influenza indirettamente la corrente a getto subtropicale e le altezze atmosferiche che si verificano a latitudini prossime ai 30 gradi nord, come l’alta subtropicale.Il fenomeno di La Niña verso l’Oceano Indiano, in quanto determina indirettamente una diminuzione della temperatura delle acque superficiali nella parte occidentale dell’Oceano Indiano e del Mar Arabico, che porta ad una diminuzione della quantità di vapore acqueo che si precipita verso l’atmosfera della penisola arabica per volontà di Dio.

Il fenomeno di La Niña è fondamentalmente un fenomeno statistico, cioè dipende da anomalie di temperatura durante un certo periodo di tempo (dall’inizio dei record climatici, cioè dal 1960 dC), e il fenomeno di La Niña è statisticamente legato a stagioni delle piogge inferiori a la media nel Mashreq arabo, in completo contrasto nelle regioni del Maghreb con un aumento della pioggia, temperature più basse della loro media e maggiori possibilità di inondazioni e piogge torrenziali nelle regioni del Maghreb, a Dio piacendo.

Il tempo arabo indica che l’effetto del fenomeno La Niña e della sua controparte El Nino è più pronunciato nell’atmosfera dei tropici e delle aree vicine, poiché il fenomeno La Nina non è l’unica causa di tutti i fenomeni meteorologici nel mondo, ma piuttosto una variabile atmosferica che contribuisce tra decine di altre variabili nella condizione meteorologica, in quanto produce uno stato di Meteo è la somma di fattori atmosferici complessi, e non è esclusivo e il risultato di uno specifico fenomeno meteorologico.

READ  Dynatrace aggiunge portali di sicurezza per rilevare e gestire automaticamente le vulnerabilità in tempo reale

Per ulteriori notizie, scarica l’app Arab Weather, da qui

SUPERDRAGONBALLHEROES.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.