Perché gli americani amano così tanto l’Italia?

Ce ne lamentiamo spesso, compagni turisti americani. Sono chiassosi, si mostrano senza imbarazzo e lanciano sguardi che mescolano il fascino con un sincero interesse per l’antica Europa che non sempre capiscono. Li adoriamo e non li amiamo, e resta il fatto che 5,6 milioni hanno visitato la scarpa nel 2019.

L’Italia, la destinazione che gli americani hanno sognato mille volte

Non è un segreto che la vita in Italia sia bella. La sua gastronomia, il paesaggio, l’architettura a volte millenaria e il suo linguaggio musicale ne fanno uno dei paesi più visitati d’Europa. Nel 2017 la terra di Dante e Pasolini era 4e Paese europeo scelto come meta di vacanza dai turisti stranieri. Poi i viaggiatori americani rappresentavano il 3% del turismo straniero in Italia, dopo Germania (14,1%), Francia e Regno Unito. Adorano Venezia, onorano la Toscana e soprattutto riflettono su Roma, dove molti degli edifici delle loro istituzioni hanno trovato la loro ispirazione.

Eredità dell’immigrazione

Loro chi sono Patria Ad Ellis Island molti italiani fecero la Grande Croce tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento. Spinti dal desiderio di vivere come gli irlandesi prima di loro, il sogno americano, ma anche dalla necessità di salpare dalla povertà, oltre 4 milioni sono emigrati dal sud della penisola e dalla Sicilia negli Stati Uniti. , tra il 1880 e il 1924.

Foto: Un gruppo di immigrati italiani in attesa a Ellis Island nel 1905.

Una famiglia di immigrati italiani attende a Ellis Island

Assimilati e poi digeriti dall’America, portarono con sé un po’ della loro natia Italia, e la diffusero in tutti gli aspetti della cultura popolare americana prima di essere finalmente assimilati nel pubblico americano. Oggi gli americani di origine italiana sono 5e Il gruppo etnico più numeroso del paese, e molti sono ancora coloro che conservano questo patrimonio culturale, in particolare facendo il “viaggio di ritorno”.

READ  L'Italia alle urne per le elezioni comunali, suspense a Roma - rts.ch

Il caldo romanticismo della tavola italiana

Se i francesi pensano di essere gli unici ad essere caricati nella cultura popolare americana, sappiate che anche gli italiani sono vittime di un ostinato cliché nato dal confronto tra americani e immigrati italiani. Pasta, lasagne e, naturalmente, pizza sono tra i preferiti degli americani che hanno un vero culto della gastronomia italiana. Sono innumerevoli i ristoranti italiani che hanno conquistato il paese dello Zio Sam, tanto che alcuni dei piatti proposti e detti italiani sono in realtà solo versioni americane di piatti italiani, rivisitati e doppiati dai buongustai locali.

Ristorante Il Posto accanto a New York
Foto: Il ristorante Il Posto accanto a New York.

Nella televisione e nel cinema americani, mangiare francese è considerato un segno sociale associato alla borghesia. Per mangiare francese bisogna avere i mezzi, per entrare in un ristorante francese bisogna avere lo “stile” di fronte al rischio di schiantarsi. È una storia d’amore borghese Tocco francese e il suo non so cosa Che piacciono tanto agli stranieri. D’altra parte, la cucina italiana è più legata alla classe media, in altre parole, accessibile. Il caldo design degli interni dei ristoranti italo-americani rende i luoghi perfetti per quel primo incontro o quell’ultima occasione.

La signora Disney e il vagabondo
Foto: La bella e la bestia, diretto da Clyde Geronimi, Wilfred Jackson e Hamilton Lusky nel 1955 per Disney Studios.

La bella e la bestia da Disney (1955), Febbre del sabato sera A partire dal John Badham (1977), a tavola di Stanley Tucci e Campbell Scott (1996), o soprano (1999) è lo stesso di molti film e serie americane che fanno del ristorante italiano uno spazio di networking amichevole, familiare e romantico. Molti americani che si recano in Italia vorrebbero reclamare il calore che associano alla penisola, o almeno una versione più autentica di ciò che fa parte del panorama culturale ereditato dagli immigrati italiani.

READ  L'Italia incorona a Lione campione del mondo di pasticceria

La mafia e la conservazione della Toscana nel cinema italiano

il Padrino (1972), Gli incredibili (1987) e libero (1990), considerati dei classici del cinema americano. Già popolare durante la Grande Depressione degli anni ’30, fu inizialmente soppiantato dai film antinazisti della seconda guerra mondiale, per poi tornare negli anni ’50, quando questi ben noti in gergo, “gangster”, furono messi alla ribalta. .

Cristallizzando l’immagine del gangster italo-americano che gioca con gli ingranaggi di un regime già corrotto, questi film hanno plasmato l’immagine dell’Italia ferma nel tempo, in un passato collocato esattamente tra la fine dell’Ottocento e l’inizio degli anni Novanta, una periodo in cui l’immigrazione italiana era più importante.

Immagine dal film Quei bravi ragazzi
Foto: libero (1987) Il famoso film di gangster di Martin Scorsese e un classico del cinema americano.

La percentuale di italoamericani coinvolti in organizzazioni criminali era tuttavia relativamente bassa e la copertura mediatica di potenti personaggi della malavita, come Lucky Luciano o John Gotti, ha contribuito ad alimentare l’immaginazione culturale della mafia nel cinema americano. Peraltro, questa visione negativa delle comunità di origine italiana è stata aspramente criticata da chi, che spesso si è ritrovato intrappolato nei luoghi comuni di un serial killer in giacca e cravatta, un mago, un bugiardo e soprattutto un ladro, come se il delitto fosse inciso nel DNA degli italiani.

Il gangster americano Lucky Luciano
Foto: Nasce a Lrcara Friddi in Sicilia. Lucky Luciano è un gangster italo-americano nato con il nome di Salvatore Lucania.

Il gangster italo-americano John Gotti
Nella foto: John Gotti, gangster americano di origine italiana, padrino della famiglia Gambino, una delle cinque famiglie mafiose americane di New York. (file immagine)

Ma per gli americani, l’Italia e la sua gente non sono solo criminalità e corruzione. È anche amore, romanticismo, salvare emozioni su una foto sotto il sole cocente di Audrey Wells (2003) o Lettere a Giulietta Scritto da Gary Winick (2010). In questi film, il viaggio in Italia ha lo scopo di salvare vite. È un viaggio dove si scopre l’altro, la sua cultura e le sue tradizioni, e una residenza dove si scopre te stesso per costruire un futuro migliore.

READ  Olmita e Michel nella Francia U-17 contro l'Italia

Lettere a Giulietta di Gary Winick (2010)
Foto: Lettere a Giulietta De Gary Winick (2010)

Gli americani amano l’Italia. È in un certo senso il paese del loro cuore, un luogo dove si sentono accolti con benevolenza e calore contagioso che non trovano da nessun’altra parte in Europa.

"Appassionato di cibo orgoglioso. Esploratore pluripremiato. Ninja appassionato di viaggi. Evangelista dei social media."

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

SUPERDRAGONBALLHEROES.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.