SpaceX è impegnato nel lancio di Starlink Group 4-6

Alle 19:04 EDT del 18 gennaio (00:04 UTC del 19 gennaio), SpaceX lancerà un altro lotto di 49 satelliti Starlink in orbita a bordo di un razzo Falcon 9 collaudato in volo dal Launch Complex 39A. Presso il Kennedy Space Center (KSC) della NASA.

Questa sarà la terza missione di SpaceX nel 2022, poiché la società ha già lanciato le missioni Starlink Group 4-5 e Transporter-3 questo mese. Inoltre, questa missione segnerà una rapida trasformazione dell’LC-39A, poiché anche Starlink Group 4-5 è stato lanciato dallo stesso consiglio il 6 gennaio.

Questo lancio segue anche una traiettoria simile all’ultimo lancio di Starlink, che ha volato a sud-est di Cape Canaveral.

collegamento stellare È la costellazione Internet a banda larga di SpaceX in orbita terrestre bassa, con un’altitudine operativa di circa 550 km. Ogni satellite è dotato di un pannello solare e utilizza i propulsori Hall per la propulsione.

In preparazione per la missione, l’ultima nave senza pilota di SpaceX, “A Shortfall of Gravitas”, ha lasciato Port Canaveral il 15 gennaio. La missione Transporter-3 doveva decollare dall’SLC-40.

Una carenza di Gravitas arriverà a Port Canaveral per la prima volta nel luglio 2021 (Credit: Julia Bergeron per NSF/L2)

L’ex chiatta è stata convertita in una nave senza pilota a Port Fortune, Los Angeles, e i lavori sono stati completati a metà del 2021. Conosciuto anche come MARMAC 302. “A Shortfall of Gravitas” e “Just Read The Instructions” sono entrambi basati su Port Canaveral , mentre il quartier generale di Of Course I Still Love You in California.

La nave drone “A Shortfall of Gravitas” è stata schierata nella missione Starlink Group 4-5.

READ  Alluvioni in Italia, neve in California... Meteo nel mondo inizio novembre 2021 02/11/2021

Il 15 gennaio, la nave di recupero SpaceX denominata Doug Port Canaveral è partita per l’area di recupero. La nave prende il nome dal secondo astronauta sperimentale Doug Hurley e recupererà i risultati dall’oceano.

La missione del Gruppo 4-6 era originariamente prevista per il 17 gennaio ora locale, ma è stata posticipata di 24 ore per sfruttare condizioni meteorologiche più favorevoli.

La missione Starlink, come quest’ultima, prenderà una corsia sud-est che aiuterà negli sforzi di recupero della Fase 1. Si pensa che questo sia un tentativo di evitare il clima rigido nell’Atlantico diretto a nord-est nei mesi invernali.

Le precedenti missioni Starlink avevano un’area di recupero al largo della costa della Carolina. Per la missione del Gruppo 4-6, la nave senza pilota sarà basata vicino alle Isole Abacus alle Bahamas.

Il booster a supporto di questa missione è il B1060-10, che sta effettuando il suo decimo volo ed è il quarto booster a raggiungere questo traguardo. Il booster è stato lanciato per la prima volta nel giugno 2020 per GPS Missione III SV03 E poi ha volato in missioni Starlink, Turksat -5 A, E vettore -2.

Falcon 9 è stato lanciato l’ultima volta il 2 dicembre 2021 a Missione 4-3 del gruppo Starlink, rendendo questo un’inversione di tendenza di poco più di un mese per quella particolare spinta.

Il Falcon 9 B1060 ha lanciato la missione Starlink Group 4-3 nel dicembre 2021

Il Falcon 9 è stato lanciato dall’Horizontal Integration Facility (HIF) alla rampa di lancio dell’LC-39A il 16 gennaio.

pubblicazione

La sequenza di lancio inizia quando la sequenza di lancio automatica sul Falcon 9 del T-35 inizia pochi minuti prima del lancio. Allo stesso tempo, inizia il caricamento del carburante sul veicolo di lancio con il caricamento del cherosene RP-1 nella prima e nella seconda fase. Nella prima fase è stato avviato anche il caricamento di ossigeno liquido (LOX).

READ  30 besten Clip Occhiali Da Sole getestet und qualifiziert

Nei minuti T-20, il Transporter Erector (TE) condurrà un grande sfiato per spurgare le tubazioni del carburante quando il caricamento dell’RP-1 è completo. Quattro minuti dopo, il caricamento LOX inizia nella seconda fase.

Quando sono trascorsi sette minuti prima del decollo, i nove motori Merlin 1D sul primo stadio del razzo Falcon 9 inizieranno a raffreddarsi in vista del lancio. Ciò previene lo shock termico sui nove motori del propellente superraffreddato Falcon 9.

Circa quattro minuti e 25 secondi prima del lancio, il TE inizierà a ritirarsi dal veicolo di lancio.

Ogni serbatoio in entrambe le fasi continuerà a riempire il veicolo di lancio con carburante liquido fino al segno T-due minuti. A questo seguirà l’ingresso del Falcon 9 in “startup”, cioè quando il controllo del veicolo sarà passato ai computer a bordo del razzo.

L’accensione dei nove motori Merlin 1D avverrà al T-3 dei secondi. Sul T-0, i morsetti sulla scheda verranno rilasciati e verrà attivato il Falcon 9. Inoltre, al lancio, il TE si ritrarrà ulteriormente, proteggendolo ulteriormente dal lancio.

Mentre sale, il Falcon 9 si abbasserà e rotolerà all’azimut di lancio corretto per allineare il veicolo a un’inclinazione di 53,2 gradi. Circa 1 minuto e 15 secondi dopo il lancio, il missile subirà la massima pressione aerodinamica, o Max-Q, quando il veicolo è soggetto a carichi aerodinamici estremi.

Un razzo Falcon 9 vola nello spazio durante la missione Starlink Group 4-5. (credito: Stephen Marr per NSF/L2)

A circa 2 minuti e 40 secondi dall’inizio del volo, i nove motori Merlin 1D verranno spenti in un evento noto come Main Engine Cut Off, o MECO. Seguirà una fase di separazione.

Il Merlin Single Vacuum Engine, o MVac, si accenderà nella seconda fase, a circa T+ 2 minuti e 50 secondi di volo.

READ  Cuffie Apple AR/VR per rilevare i gesti delle mani

Quindi, le erezioni si separeranno, il che protegge i satelliti Starlink dalle forze aerodinamiche nelle parti dense dell’atmosfera. Più o meno contemporaneamente, nella prima fase verranno dispiegate le quattro pinne in maglia di titanio.

A circa T+ sei minuti e 55 secondi dall’inizio del volo, si verificherà un’ustione all’ingresso nel primo stadio del Falcon 9. Per questa combustione verranno utilizzati tre motori Merlin 1D. Dopo che questa bruciatura è completa, le alette a rete aiuteranno a guidare il primo stadio mentre scende.

La prima fase di Falcon 9 colpirà quindi “A Shortfall of Gravitas” circa T+ nove minuti dopo il lancio. Contestualmente verrà spento il singolo motore MVac.

Dopo l’atterraggio, un robot chiamato Octagrabber emergerà da un rifugio su una nave drone e metterà al sicuro il Falcon 9 booster abbassato con successo.

Circa 15 minuti dopo il lancio, 49 satelliti Starlink si separeranno dal secondo stadio nella loro orbita iniziale. Successivamente, ogni satellite sarà trasferito individualmente alle sue orbite operative nelle prossime settimane.

(Immagine principale: Falcon 9 B1060 verticalmente nell’LC-39A prima della missione Starlink v1.0 L11 nel settembre 2020. Crediti: Stephen Marr per NSF)

"Studioso di caffè. Appassionato di cibo. Appassionato di birra. Introverso. Praticante di Internet in modo irritante e umile."

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

SUPERDRAGONBALLHEROES.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.